Ad Alcamo la proiezione del docufilm “Calattubo”

L'antico Castello sorge su uno sperone roccioso fuori città

Sarà presentato venerdì prossimo 19 aprile, alle 18, all’auditorium dell’Istituto Tecnico “Girolamo Caruso” il docufilm “Calattubo memorie da salvare”, a cura dell’associazione “Salviamo il Castello di Calatubo”, con il patrocinio del Comune di Alcamo. La proiezione del docufilm, con la regia di Lorenzo Mercurio e la partecipazione di Stefano Catalano e Maria Rimi dell’associazione, vuole essere un’occasione per sensibilizzare la comunità sull’importanza della salvaguardia del patrimonio storico e culturale del territorio alcamese e, in particolare del Castello di Calatubo.

Il bene architettonico si erge isolato nella campagna fuori Alcamo, su uno sperone roccioso rivolto da un lato all’entroterra e dall’altro al mare, visibile già dall’autostrada; si tratta di un complesso che ha attraversato diverse epoche storiche e che si fa risalire al X-XI secolo, anche se è difficile stabilire con esattezza l’impianto originario.

Costruito su un terreno abitato sin dal VII secolo a.C. (interessanti anche i reperti archeologici venuti alla luce nella vicina necropoli del VII secolo a.C), nel 1093 venne incluso nella nuova Diocesi di Mazara e nel Medioevo divenne una fortezza a controllo di un vasto territorio, finché all’epoca di Federico II fu trasformato in masseria feudale. Il castello è stato utilizzato fino agli anni Sessanta del Novecento per essere poi abbandonato e trasformato in ovile, il degrado causato dal pascolo degli animali, il terremoto del Belice del 1968 e l’assenza prolungata di interventi, hanno portato, nel tempo, al crollo dei solai e di numerose murature.

Recentemente il bene, di proprietà del Comune di Alcamo dal 2006, è stato oggetto di alcuni lavori di rifunzionalizzazione, manutenzione strutturale, messa in sicurezza e nuova illuminazione grazie ai contributi del Gal Golfo di Castellammare e del Fai. L’obiettivo dell’amministrazione è quello restituire l’antico maniero alla collettività, rendendolo sempre visitabile.

Andrea Devicenzi e Lombardo Bikes sulla strada del Blues [AUDIO]

Un viaggio in bicicletta che porterà il pluricampione paralimpico a percorrere le 1600 miglia della Route 61 da Chicago a New Orleans
0-2 a Gavorrano e il Trapani Calcio conquista il suo secondo obiettivo stagionale. Ma non è "fortuna"
Un viaggio in bicicletta che porterà il pluricampione paralimpico a percorrere le 1600 miglia della Route 61 da Chicago a New Orleans
Assegnati oltre 3 milioni di euro dal Ministero per realizzare le strutture a Bosco e ad Amabilina
Per realizzare, adeguare o ampliare la viabilità al servizio delle aree rurali e delle aziende agricole
Nel 350° anniversario della sua apparizione a Santa Margherita Maria
"La corsa contro il tempo per inserire l'opera nell'Accordo di sviluppo e Coesione –FSC è seria e impegnativa"
Petit, nome d’arte di Salvatore Moccia, giovane artista classe 2005, finalista dell’edizione 2023 di “Amici” che ha appena pubblicato “PETIT”, il primo EP omonimo

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...
Trapani Shark-Udine

Bentornati play-off

Ne parliamo con Giacomo Incarbona
Garantita solo la diretta streaming sul canale YouTube della lega
Ieri il momento conclusivo del programma "Frutta e verdura nelle scuole"
Sarà utilizzato l’elenco degli idonei non vincitori del concorso indetto nel 2021
Erano su un’imbarcazione alla deriva a circa 10 miglia nautiche dal porto