A Trapani vince la Musica: pianista ebrea premia giovane palestinese

Nella categoria emergenti del Concorso Pianistico Internazionale "Domenico Scarlatti"

Nell’ambito della seconda edizione del Concorso Pianistico Internazionale Domenico Scarlatti di Trapani, una momento che per tutti resterà indimenticabile ha illuminato la cerimonia di premiazione: Oxana Yablonskaya, pianista ebraica e presidente della giuria del premio, ha incoronato vincitore della categoria “emergenti” il giovanissimo talento palestinese Mohammed Alshaikh, dimostrando che la musica supera ogni confine, unendo i popoli e riconoscendo meriti e talenti, al di là delle differenze culturali e politiche.

Il concorso prosegue in questi giorni con le fasi eliminatorie dell’edizione 2024 che si concluderà mercoledì 10 aprile, ma intanto i riflettori sono puntati su Alshaikh, 21 anni, nato nella città palestinese di Ramallah in Cisgiordania. All’età di nove anni ha iniziato gli studi di pianoforte presso la Barenboim Said music School, istituzione fondata dal celebre direttore d’orchestra Daniel Baremboim. Ha proseguito la sua formazione al Magnificat Institute for Music di Gerusalemme e da alcuni anni partecipa con successo a concorsi internazionali in tutta Europa e ha già tenuto diversi recital pianistici in città come Taormina e Torino.

La giuria presieduta da Yablonskaya ha assegnato ad Alshaikh il punteggio di 99,5 su un massimo di 100. Nella commissione, oltre ad artisti e didatti sia italiani che stranieri, anche Nina Tichman che, come Yablonskaya, proviene dagli USA ed è di fede ebraica. Alshaikh ha conquistato la giuria eseguendo in modo impeccabile la Sonata in La maggiore K 24 di Domenico Scarlatti, la Danse Macabre di Saint-Saëns nella trascrizione per pianoforte di Horowitz e Liszt, lo Studio op. 10 n. 2 di Chopin e l’Etude-Tableaux op 39 n. 4 di Rachmaninov.

“In un momento in cui le differenze territoriali e di fede stanno segnando il nostro presente, sottolineano i direttori artistici delle associazioni Trapani Classica e MEMA – Mediterranean Music Association, rispettivamente Vincenzo Marrone d’Alberti e Giovanni De Santis – questa felice coincidenza amplifica, oltre ogni più rosea aspettativa, l’obiettivo principale del Concorso dedicato al compositore di origini siciliane: far incontrare e sostenere giovani talenti provenienti da tutto il mondo”.

In questa edizione del Concorso sono, infatti, giunte domande di iscrizione da Russia, Cina, Palestina, Stati Uniti, Bulgaria, Vietnam, Corea del Sud, Giappone: paesi spesso al centro delle dinamiche geopolitiche più delicate che, attraverso giovani artisti, possono sedersi alla stessa tastiera del pianoforte per far risuonare l’armonia che in questo momento manca in troppe parti del nostro pianeta.

Custonaci, la Sicilia e i suoi borghi: sabato il convegno [AUDIO]

Col primo cittadino Fabrizio Fonte abbiamo parlato del terzo ed ultimo week end de "i borghi dei tesori"
In vista della Settimana Sociale dei cattolici italiani e delle prossime elezioni europee
La Consulta delle associazioni e la Consulta per la Pace e la Cooperazione
“Se non si stanziano i fondi per l’aggiornamento del progetto, sarà stato tutto inutile”
Andava in giro di notte con un monopattino elettrico

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...
Trapani Shark-Udine

Bentornati play-off

Ne parliamo con Giacomo Incarbona
Svariati i temi trattati nell'incontro svoltosi in un clima di collaborazione
Domenica la partita decisiva sarà disputata al PalaCardella