A Trapani una panchina gialla per i diritti umani

Ieri mattina dagli attivisti del gruppo 295 di Amnesty hanno organizzato un flash mob in occasione della Giornata Internazionale delle Coscienze

Una panchina della Villa Margherita è stata dipinta di giallo ieri mattina dagli attivisti del gruppo 295 di Amnesty e dai partecipanti – tra cui una classe della scuola “Rosina Salvo” di Trapani – alla manifestazione che è stata organizzata in occasione della Giornata Internazionale delle Coscienze, promossa dalle Nazioni Unite. Per fare luce e tenere viva la coscienza su questioni fondamentali, che riguardano tutti e tutte noi.

Amnesty International, un movimento globale di oltre 10 milioni di persone, considera l’ingiustizia una questione personale e si unisce, a livello sia macro che micro, proprio per fare la differenza: una firma in più può permettere la liberazione di prigionieri di coscienza, una firma in più può tenere accesa l’attenzione sulle violazioni dei diritti umani. Tra le altre, le libertà di coscienza e di espressione si collocano tra i diritti fondamentali della persona e la coscienza costituisce un elemento imprescindibile della natura umana. Tuttavia, le autorità di certi paesi scoraggiano la protesta con la minaccia di violenze arbitrarie, detenzione e molteplici violazioni del diritto a un equo processo. Molti governi in tutto il mondo imprigionano regolarmente – o peggio – le persone solo per aver parlato apertamente, anche se la Costituzione di quasi ognuno di questi Paesi parla del valore della “libertà di parola”. In Iran in particolare, l’ondata di protesta, morte e repressione non si ferma, con numeri impressionanti che hanno portano a voler plasmare la campagna di Amnesty “Proteggo la protesta”.

Cosa hanno fatto quindi queste persone? Hanno dipinto la panchina di giallo proprio per simboleggiare l’importanza dei diritti umani e divulgarne la conoscenza e la protezione, potendo e dovendo questi partire da ciascuno di noi, anche nelle realtà più piccole. Perché i diritti sono un patrimonio da difendere, coltivare, rinnovare. Ma non si sono fermate lì. Hanno discusso specificamente del diritto di protesta, mettendolo in pratica: un flash mob in solidarietà con la popolazione iraniana scesa in piazza per chiedere giustizia e libertà. Perché non bisogna arrendersi. Occorre attivarsi.

Altro che sindaco o assessore, a Trapani decidono i topi [AUDIO]

Intervista all'assessore Emanuele Barbara e a Livio Marrocco presidente di Nova Civitas
Intervista all'assessore Emanuele Barbara e a Livio Marrocco presidente di Nova Civitas
Con Ornella Fulco parliamo del primo appuntamento della rassegna letteraria di questa sera, giovedì 18 luglio al Teatro comunale di Valderice
Nascondeva una pistola d avrebbe messo a disposizione del boss un garage trasformato in appartamentino
Si tratta del terzo spettacolo in cartellone e si terrà al Salotto Culturale Insonnia il 24 luglio
L'autrice firmerà il suo libro “Granita e baguette”, nuovo “capitolo” della saga delle Signore di Monte Pepe
Lo scrittore trapanese torna a trattare in chiave romanzata lo scottante tema della violenza sulle donne
Ne parliamo con la professoressa Giovanna Parisi, coordinatrice del corso di laurea in Biodiversità e Innovazione Tecnologica

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Si prosegue, fino al 20 luglio, con un ricco programma di proiezioni a cielo aperto, incontri e dibattiti, degustazioni e spettacoli
Due mesi di concerti, spettacoli e performance che abbracciano sette secoli di storia musicale, dal Medioevo al Barocco
Schifani: «Ordinanza per tutelare la salute degli addetti più a rischio»