A Santa Ninfa la presentazione del libro su Don Riboldi nel centenario della nascita

Un incontro particolarmente significativo all'indomani dell'arresto del super latitante Messina Denaro

A cento anni dalla nascita il ricordo di Don Riboldi nella “sua” Santa Ninfa, dove da parroco affrontò il dramma del terremoto e lottò per una ricostruzione soltanto promessa, primo prete a “marciare” fino a Roma insieme con i bimbi con i quali si recò da Aldo Moro, che era Presidente del Consiglio, Giovanni Leone al Quirinale e da papa Paolo VI.

A Santa Ninfa un pomeriggio dedicato alla memoria di un Vescovo, nato in Brianza, che insegnò il coraggio prima ai siciliani e poi ai napoletani. Un incontro particolarmente significativo all’indomani dell’arresto del super latitante Messina Denaro: a don Riboldi, inviato dal suo ordine, i Rosminiani, in Belice fu assegnato anche il comune di Castelvetrano dove già negli anni Sessanta la mafia esercitava un forte potere di condizionamento su ogni aspetto della vita sociale. “I familiari del boss erano nostri parrocchiani”, ha ricordato don Vito Nardin che condivise l’esperienza del Belice

Dal libro Don Riboldi 1923-2023, il coraggio tradito di Pietro Perone, edizioni San Paolo (Milano):

In mezzo alle baracche è stato ordinato vescovo l’11 marzo del 1978. È una giornata illuminata dal sole e sferzata dal vento di scirocco che si insinua tra le case disabitate e sembra voler infliggere una definitiva spallata a quelle rovine. Volano le tovaglie bianche che coprono l’altare posto al centro del palco; gli anziani tengono le coppole strette tra le mani. Il cardinale di Palermo Salvatore Pappalardo e il vescovo di Mazara del Vallo, Costantino Trapani, che officiano la messa, fanno fatica a farsi ascoltare perché la loro voce viene ricoperta dal rombo sordo del vento. In diecimila lasciano i propri container per assistere alla liturgia, che si svolge nella piazza: cerimonia improvvisata, quasi da sagra paesana. Dice con orgoglio un anziano sulla soglia del proprio container ricoperto di manifesti che pubblicizzano un amaro che si produce nella valle: «Il papa lo ha scelto ma è una creatura nostra. Quel parroco è uscito da noi.

PIETRO PERONE giornalista, è stato negli anni Ottanta uno dei “ragazzi” di don Riboldi. Caporedattore de Il Mattino di Napoli, segue le vicende politiche del nostro Paese, dopo essersi occupato di criminalità organizzata e aver seguito l’inchiesta sul delitto del collega Giancarlo Siani che ha portato alle condanne di mandanti e killer. Il dovere della verità come il Vescovo ha insegnato.

Trapani Baskin Open Day, festa dello sport inclusivo [AUDIO]

Ne abbiamo parlato con Filippo Frisenda,  delegato regionale EISI
A disposizione 1.377.800 euro per aumentare la dotazione idrica totale di 150 litri al secondo
"Il Comune di Trapani si faccia trovare pronto con un progetto unitario per accedere alle risorse della rigenerazione urbana"
Ancora grandi soddisfazioni per le atlete della Venus ASD allenate da Ida Bruno che grazie alle qualificazioni ottenute ai Campionati Regionali, hanno disputato nel weekend 31 maggio – 2 giugno la fase nazionale di Coppa Italia e il Campionato Italiano di serie B e C della FederTwirling a Montegrotto...
"Nel programma approvato a maggio abbiamo puntato sulla qualità degli eventi che si articolano da giugno a settembre"
L’evento sarà un'occasione significativa per esplorare approfonditamente gli aspetti naturalistici e culturali dei paesaggi delle due isole vulcaniche
La selezione, rispondendo in primis al principio di sostenibilità, ha elaborato un cartellone che prenderà il via a metà luglio e durerà tutta l’estate
Nell'occasione si presenta il libro “Pietro il pescatore pastore” di don Fabio Pizzitola

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione