A Favignana e Levanzo “Spiagge ecologiche”, AMP e gestori dei lidi a difesa dell’ambiente

L’iniziativa mira alla protezione dell'ambiente nei territori costieri e insulari attraverso pratiche armonizzate e modelli innovativi per la riduzione e il riutilizzo dei rifiuti plastici

La Posidonia oceanica diventa arredo da spiaggia. A Favignana e Levanzo durante la stagione estiva è stato sperimentato con successo un modello di gestione che consente di sottrarre la biomassa spiaggiata dal ciclo rifiuti e di valorizzarla dal punto di vista ecologico e funzionale nell’ambito dell’ecosistema.

I risultati sono stati illustrati a Palazzo Florio nel corso dell’incontro conclusivo del progetto MED Dé.Co.U.Plages, promosso dall’Area Marina Protetta Isole Egadi insieme con Enti di ricerca (ISPRA), Enti di formazione professionale riconosciuti dal Ministero del Lavoro (ASS.FOR.SEO – Capofila del progetto), l’Istituto Nazionale di Scienze e Tecnologie Marine (Tunisia) e la Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali dell’Università El Manar di Tunisi.

L’iniziativa, realizzata nell’ambito del Programma ENI di Cooperazione Transfrontaliera Italia – Tunisia 2014-2020, mira alla protezione dell’ambiente nei territori costieri e insulari attraverso pratiche armonizzate e modelli innovativi per la riduzione e il riutilizzo dei rifiuti plastici e la gestione sostenibile dei depositi di Posidonia. Il progetto affronta la sfida del passaggio all’economia circolare nei territori costieri e insulari, definendo e sperimentando modelli e pratiche per la mappatura e il monitoraggio degli accumuli di Posidonia e dei rifiuti plastici, offrendo allo stesso tempo soluzioni tangibili per la loro corretta gestione, riduzione, riutilizzo o riciclo a livello locale mediante la sinergia tra attori pubblici e privati.

“Uno dei nostri partners, l’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale, ha sviluppato un modello di gestione sostenibile dei rifiuti nelle località turistiche”, spiega Salvatore Livreri Console, direttore dell’Area Marina Protetta. “Lo abbiamo sperimentato durante la stagione estiva, con l’importante collaborazione dei gestori dei lidi, presso la spiaggia Praia, a Favignana, e Cala Minnula, a Levanzo, ottenendo dei risultati lusinghieri. Abbiamo in pratica trasformato le banquettes di Posidonia, che ricordiamo hanno un’importante funzione per la tutela delle spiagge, in cuscinoni rendendoli non visibili ai turisti e consentendo la fruizione del mare. Al termine della stagione i cuscinoni sono stati riaperti e la Posidonia è stata riposizionata a difesa del litorale. Ciò ha consentito da una parte di eliminare gli esorbitanti costi necessari per la rimozione e allo stesso tempo di proteggere le nostre spiagge. Un modello che ha prodotto buoni risultati che speriamo nei prossimi anni di fare diventare una buona pratica”.

Trapani Baskin Open Day, festa dello sport inclusivo [AUDIO]

Ne abbiamo parlato con Filippo Frisenda,  delegato regionale EISI
Sarebbero state rimpinguate con sabbia proveniente da altri luoghi
L’iniziativa è frutto della preoccupante carenza idrica che sta colpendo la Sicilia
Prevista l'istituzione di un fondo specifico destinato al finanziamento dei riti della Settimana Santa iscritti al REIS
Sarà l'occasione per scoprire il paesaggio incontaminato, dove la natura ha ripreso il sopravvento, dopo il devastante incendio di un anno fa
Un'opportunità per affrontare i temi cruciali della tutela dell'ambiente e dello sviluppo sostenibile
Duo di producers multiplatino con più di tre milioni di ascoltatori mensili su Spotify

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
"Nel programma approvato a maggio abbiamo puntato sulla qualità degli eventi che si articolano da giugno a settembre"
"Il Comune di Trapani si faccia trovare pronto con un progetto unitario per accedere alle risorse della rigenerazione urbana"
L’evento sarà un'occasione significativa per esplorare approfonditamente gli aspetti naturalistici e culturali dei paesaggi delle due isole vulcaniche
La selezione, rispondendo in primis al principio di sostenibilità, ha elaborato un cartellone che prenderà il via a metà luglio e durerà tutta l’estate
Nell'occasione si presenta il libro “Pietro il pescatore pastore” di don Fabio Pizzitola