Violazione del Daspo, la Polizia arresta 4 ultras a Marsala

La Polizia di Stato di Marsala ha arrestato ieri il 25enne D.Z., il 24enne A.L., il 25enne G.D. e il 27enne M.T. per la violazione delle prescrizioni imposte dal DASPO irrogato dal questore.

I quattro sono stati sorpresi nelle immediate adiacenze dello stadio in occasione dell’incontro di calcio, svoltosi a porte chiuse e in assenza di pubblico, di domenica scorsa, 6 settembre, tra il Marsala e il Mazara Calcio e valevole per la Coppa Italia.

Durante il secondo tempo della partita, intorno alle ore 17.15 i poliziotti hanno udito forti esplosioni, come di petardi, e notato del fumo colorato, tipico dei fumogeni, provenire dalla parte sotto il settore tribuna ospiti. Lì circa 30 ultras del Marsala scandivano slogan e cori a sostegno della locale squadra di calcio dopo essersi piazzati all’interno di un ampio spazio utilizzato solitamente per il mercato rionale.

All’identificazione degli arrestati si è giunti nel corso degli accertamenti svolti dagli agenti del Commissariato di P.S. di Marsala attraverso l’analisi delle riprese video effettuate dal personale di Polizia Scientifica.

In particolare, D.Z. ha violato il DASPO impostogli per 5 anni con l’obbligo di presentazione presso il Commissariato di P.S. di Marsala nelle giornate in cui si svolgono gli incontri di calcio della squadra locale, mentre A.L., M.T. e G.D. violavano il DASPO “di gruppo“, irrogatogli per la durata di 4 anni.

Dopo le formalità di rito gli arrestati, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, sono stati posti agli arresti domiciliari nelle loro abitazioni in attesa dell’udienza di convalida e del rito direttissimo. Ad esito dell’udienza il giudice ha convalidato gli arresti applicando al solo D. Z. la misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.