Trapani, si è insediata la nuova prefetta Daniela Lupo

"Credo nella forza della collaborazione e assicuro il massimo impegno per questo territorio"

Cordialità e spirito di collaborazione hanno connotato, stamattina, l’incontro della nuova prefetta di Trapani, Daniela Lupo, con i rappresentanti dell’informazione nella provincia di Trapani.

Nata a Lecce il 28 luglio 1962, è laureata in Giurisprudenza e abilitata all’esercizio della professione forense e all’insegnamento di materie giuridiche ed economiche. Ha conseguito un Master di II livello in “Management Pubblico” presso l’Università degli Studi di Lecce.

È entrata nella carriera prefettizia nel febbraio 1987 ed è stata assegnata alla Prefettura di Brindisi dove è stata fino al 1992, seguendo anche i primi sbarchi degli Albanesi in Italia.
Dall’aprile del 1993 è stata trasferita alla Prefettura di Lecce e assegnata all’Ufficio di Gabinetto dove ha poi svolto anche le funzioni di dirigente della I e II sezione.
Promossa alla qualifica di vice prefetto nel 2002, ha ricoperto, sempre presso la Prefettura di Lecce, svariati incarichi tra i quali quelli di dirigente dell’area Ordine e sicurezza pubblica, dirigente dell’area Diritti civili, cittadinanza, condizione giuridica dello straniero, immigrazione e diritto d’asilo, dirigente dell’Area Raccordo con gli Enti locali.

Trasferita alla Prefettura di Reggio Calabria, dal 3 giugno 2014 al 5 giugno 2016, ha assunto le funzioni di Capo di Gabinetto seguendo, tra l’altro, il Programma straordinario per la giustizia in Calabria, in ambito regionale la Conferenza regionale delle Autorità di Pubblica Sicurezza e il Gruppo Appalti Grandi Opere.

Il suo percorso professionale si è poi sviluppato alla Prefettura di Foggia dove, tra il 2016 ed il 2019, ha svolto le funzioni di vice prefetto vicario occupandosi delle delicate vicende del locale CARA, dei problemi connessi al “caporalato” e a tutti i fenomeni del lavoro nero e dello sfruttamento lavorativo.

Dall’aprile 2019 al luglio 2020 è stata vice prefetta vicaria alla Prefettura di Palermo svolgono anche le funzioni di reggente nel maggio 2020. Dal dicembre 2019 è stata componente della Commissione straordinaria di Mezzojuso (PA).
Nominata prefetta il 6 luglio 2020 è stata destinata alla guida della Prefettura di Piacenza dove è rimasta fino alla nomina a Trapani.

“So di dover operare in un territorio, quale è la provincia di Trapani, che presenta diverse problematiche – ha detto Daniela Lupo,incontrando la stampa – ma che ha anche moltissime potenzialità, a partire dalla sua bellezza. Sono grata all’Amministrazione per avermi scelto per questo incarico. Assicuro il mio massimo impegno e quello di tutti i collaboratori. Credo nella forza della collaborazione e sarà così, nel rispetto dei rispettivi ruoli, anche con i giornalisti”.

Tari, ecco come e perchè aumenta per i Trapanesi [AUDIO]

Ce lo spiega Alberto Mazzeo, assessore al Bilancio e alle Finanze del Comune di Trapani
Ce lo spiega Alberto Mazzeo, assessore al Bilancio e alle Finanze del Comune di Trapani
Il femminicidio avvenne il 24 dicembre 2022 a Marinella di Selinunte
L'episodio è avvenuto nella notte tra il 25 e il 26 giugno scorso
L'episodio è avvenuto lo scorso anno vicino al Canile comunale
Il 23enne centrocampista arriva da svincolato
Il playmaker statunitense proviene da Rio Breogàn, squadra militante nel massimo campionato spagnolo
Sabato sera si è svolto il quarto appuntamento della rassegna concertistica, arricchito da aneddoti e racconti
La manifestazione si protrarrà fino al 28 luglio
Lo hanno siglato il questore Giuseppe Peritore e la presidente Aurora Ranno

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
"Con le mie ali, trovare sé stessi, cambiare il mondo" vuole essere un’indagine sui cambiamenti di prospettiva del mondo giovanile
Una storia grottesca, quasi incredibile, di piante, divieti di sosta e sfabbricidi. Per fortuna a lieto fine