Trapani Servizi, arriva il nuovo CdA: Mino Spezia sarà il presidente

La Trapani Servizi si appresta ad una nuova rivoluzione. Ieri c’è stata l’assemblea dei soci che ha deliberato il nuovo Consiglio di Amministrazione. La società è interamente di proprietà del Comune di Trapani e si occupa del servizio di prelievo, trasporto e smaltimento presso impianti all’autorizzati del percolato prodotto dalle vecchie vasche di discarica dismesse di proprietà del Comune di Trapani, nonché per la manutenzione ed il monitoraggio ambientale dell’intera area della discarica comunale di Contrada Borranea ma anche altre cose.

Il sindaco Tranchida, quindi, quale primo cittadino della città ha espresso il nuovo CdA che sarà composto da tre persone. Lo statuto permette la nomina di massimo 5 persone.

Mino Spezia, ex sindaco di Valderice e della SRR Trapani Nord, sarà il presidente del nuovo Consiglio di Amministrazione. I consiglieri saranno Roberto Fede, commercialista trapanese, e Marilena Ciotta (in quota Amo Trapani e unica donna di Trapani candidata alle Regionali del 2017 con Diventerà Bellissima a sostegno di Nello Musumeci).

Il compenso lordo complessivo del nuovo CdA ovviamente, come previsto per legge, non potrà complessivamente superare il compenso lordo dell’uscente Amministratore Unico di Trapani Servizi Carlo Guarnotta (circa 40 mila euro l’anno lordo che i consiglieri dovranno dividere). Tecnicamente, visto che per in questo momento sono stati nominati in 3 e non in 5, il costo alle casse comunale sarà inferiore.

Il nuovo CdA dovrebbe insediarsi la prossima settimana dopo l’accettazione dell’incarico da parte dei nuovi consiglieri.

Termina quindi l’operato dell’ingegnere Carlo Guarnotta quale Amministratore Unico che, negli anni, è stato capace di risollevare e rivoluzionare in positivo l’azienda controllata dal Comune. Non abbandona completamente la Trapani Servizi visto che è anche direttore tecnico. Il bando per il nuovo direttore tecnico è in corso e proprio ieri sono stati fatti gli esami orali. Finché non verrà assunto il nuovo direttore tecnico, Guarnotta ha dato la sua disponibilità per consentire la continuità aziendale (senza questa figura, infatti, la Trapani Servizi non potrebbe svolgere le proprie funzioni).

“Ho nominato tre componenti su cinque – commenta il sindaco Giacomo Tranchida – perché la nostra idea è quella di allargare i nostri servizi ai Comuni dell’area del SRR Trapani Nord e SRR Trapani Sud. Nel comparto dei rifiuti, organizzare una visione sistemica con la Trapani Servizi potrebbe essere molto importante. L’azienda è assolutamente strutturata e al momento serve circa 90 Comuni siciliani. Noi siamo disponibili a cedere delle quote della Trapani Servizi e questo consentirebbe ai Comuni di poter usufruire in house anche di importanti servizi”.

Con l’approvazione del nuovo statuto, infatti, la controllata del Comune può effettuare il servizio di manovra per la distribuzione idrica, i nuovi allacci idrici, la manutenzione ordinaria della già menzionata rete, nonché il servizio di pulizia delle caditoie, la gestione del canile di contrada Cuddia, l’accalappiamento dei cani, la scerbatura delle vie cittadine, le piazze ed i marciapiedi e la cura e la tutela del verde pubblico e la pulizia del Cimitero.