Trapani: presentato il programma del “Piano Green” [VIDEO]

La città di Trapani risulta all’interno del “Programma sperimentale di interventi per l’adattamento ai cambiamenti climatici in ambito urbano” e destinataria di un importo di 475.940 euro

La città di Trapani risulta inserita all’interno del “Programma sperimentale di interventi per l’adattamento ai cambiamenti climatici in ambito urbano” rivolto ai Comuni con più di 60.000 abitanti e destinataria di un importo di 475.940 euro.

In riferimento a questo Bando l’Amministrazione Comunale di Trapani ha indirizzato un programma d’interventi tenendo conto prevalentemente delle tipologie previste. In particolare si è scelto di perseguire interventi distribuiti in quasi tutto il tessuto urbano, attraverso il potenziamento degli spazi verdi e delle alberature stradali, e l’ombreggiamento di alcuni spazi adibiti a posteggio; anche con azioni complementari che riguardano la sensibilizzazione della cittadinanza – in particolare le scolaresche – in rapporto alla problematica del verde urbano visto non solo come fatto decorativo ma soprattutto come fattore di mitigazione degli effetti del cambiamento climatico avvertito principalmente nel contesto abitato.

Al riguardo si è voluto concentrare quasi tutte le tipologie d’intervento negli spazi esterni e in parte della copertura terrazzata del plesso scolastico Umberto, in Via Fardella, anche in un’ottica educativa e, più in generale, dimostrativa.

  • Opere all’interno del plesso scolastico Umberto sito in via Fardella, con la realizzazione di un sistema integrato di interventi finalizzato alla mitigazione dell’azione eliotermica sull’edificio scolastico ma anche alla didattica ecologica. Quindi interventi di edilizia bioclimatica con l’approntamento di pareti ombreggianti, realizzazione di tetto verde per la copertura a terrazzo e la realizzazione di alberatura ombreggiante avente anche funzione di mitigazione dell’azione eolica.
  • Realizzazione di arboreti polifiti in aree non alberate e libere attualmente incolte, con ricoprimento di erbacee perenni e alcuni frutici e suffrutici, distribuite in maniera diffusa nel tessuto urbano e per una estensione complessiva di 102.380 metri quadri per un totale di 9 arboreti.
  • Realizzazioni di barriere alberate che interessano in particolare il perimetro di due degli arboreti proposti e l’area dell’autoparco comunale, per complessivi 500 ml.
  • Integrazione di piante in spazi verdi e piccoli giardini, nei quali sussistono vuoti con l’implementazione degli alberi esistenti, risarcendo anche i vuoti determinati dalla progressiva morte per cause a volte patologiche o fisiologiche di alberi preesistenti.
  • Integrazione di piante arboree, nelle due ville storiche – villa Margherita e Villa Pepoli –  con l’implementamento degli alberi esistenti, risarcendo anche i vuoti determinati dalla progressiva morte per cause a volte patologiche a volte fisiologiche.
  • Ombreggiamento di aree a parcheggio mediante impianto di alberi compatibili con l’obiettivo di mitigare il riscaldamento dell’’ambiente urbano, soprattutto nel periodo estivo.
  • Impianto di nuove alberature in strade prive e quindi assolate e che si prestano per nuovi spazi da rinverdire e così sviluppare il verde urbano per i benefici effetti che producono.
  • Integrazione delle alberature stradali esistenti con impianto di nuovi alberi implementando gli alberi esistenti, risarcendo anche i vuoti determinati dalla progressiva morte per cause a volte patologiche o fisiologiche di alberi preesistenti.
  • Forestazione periurbana con l’intento di assicurare alla città e ai suoi cittadini un esempio significativo di foresta mediterranea termo-xerofila, oggi rinvenibile in poche aree del Trapanese. Essa interesserà un’area esterna al centro abitato, estesa poco più di due ettari, dimensione sufficiente per assicurarle un margine di autosufficienza.
  • Opere grey e green in Piazza Vittorio Emanuele per la realizzazione di un unico grande sistema urbano che coniughi le esigenze funzionali – parcheggi in prevalenza – con le esigenze del godimento per il tempo libero e le esigenze ecologiche attraverso interventi consistenti in nuovi impianti di spazi a verde funzionali a mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici. Gli interventi saranno concentrati sull’ombreggiamento di aree attualmente aride.
  • Opere grey e green in viale Duca d’Aosta ed opere green in Piazza Generale Scio per la realizzazione di un unico grande sistema urbano che coniughi le esigenze funzionali – aree e dehor destinati alla somministrazione di alimenti e bevande in prevalenza – con le esigenze del godimento per il tempo libero e le esigenze ecologiche attraverso la realizzazione di spazi verdi funzionali a mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici. L’amplissimo marciapiede esistente verrà sottoposto ad una cospicua scarificazione per realizzare aree drenanti e mettere a dimora nuovi esemplari di alberi ad alto fusto. La realizzazione di tali interventi permetterà la costituzione di un vero e proprio intervento di edilizia bioclimatica giacché le alberature ombreggianti proteggeranno tutte le case prospettanti sul viale dall’incidenza diretta dei raggi solari durante le ore pomeridiane che congiuntamente all’ampliamento dell’area pedonale con la rimozione della pavimentazione esistente ed il ripristino della permeabilità del suolo in chiave di rigenerazione urbana, potrà accogliere attività ludiche e giovanili.
  • Sensibilizzazione ambito scolastico studenti e famiglie, attività complementari alle attività didattiche curriculari della scuola dell’infanzia e primaria saranno svolte oltre che presso la Scuola Umberto, anche negli altri cinque distretti scolatici della città. Esse sono finalizzate alla sensibilizzazione, formazione, partecipazione all’adattamento a livello locale e sulla riduzione della vulnerabilità specifica per i giovani allievi e le rispettive famiglie.

Infine gli effetti ambientali degli interventi di mitigazione programmati, saranno a breve, medio e lungo termine e interesseranno una superficie estesa poco meno di 150.000 metri quadri, con l’impianto di circa tremila alberi, la realizzazione di circa 500 metri quadri di tetti verdi e di 150 metri quadri di verde verticale, la realizzazione di 500 ml di barriere arboree lineari e perimetrali, la rimozione di circa 3500 metri quadri di superficie pavimentata e l’ombreggiamento, attraverso l’impianto di alberi compatibili, di poco più di 92.000 metri quadri di superfici cementate adibite a parcheggio.

La realizzazione di queste opere sono un primo passo per una Trapani sempre più green e si auspica che una serie di benefici interventi come la riqualificazione di strade, piazze e spazi verdi e la realizzazione di arboreti autosufficienti, comunque fruibili dalla cittadinanza per il tempo libero siano un primo passo per il miglioramento della vivibilità urbana e rispettive famiglie in tutta la città.

Guarda il video: