Trapani Calcio, la lettera d’addio di Marco Toscano

Marco Toscano, centrocampista nato il 7 luglio 1997. Trapanese. Protagonista di una cavalcata storica.

Non è mai facile essere profeti in patria, ma Toscano ci è riuscito, convincendo tutti e dimostrando di avere un valore importante nel mondo del pallone. Di proprietà del Palermo, Toscano ha giocato l’ultima stagione con la maglia granata, la maglia della sua città.

Ora però è tempo di addii: si è accasato alla Virtus Entella dove ha firmato un triennale per giocare in Serie B ma il legame con sua città è indissolubile.

Ecco la sua “lettera d’addio” al Trapani.

Quando si presentò quella proposta, pensai subito che era una sfida personale che mi eccitava tanto e che non potevo proprio farla scappare.
Qualcuno, probabilmente, era diffidente sul mio “arrivo” a Trapani, perché, come si dice, non è mai facile essere profeti in patria.
Ed invece è stato un anno fantastico, un crescendo continuo di emozioni, personali e di squadra. L’esordio da subentrato, la prima da titolare, la fiducia, la consapevolezza e la continuità, le belle prestazioni, le prime vittorie, il primo gol al Provinciale.
Dovevamo essere una squadra di galleggiamento, senza pretese, con tanti giovani e molte scommesse.
Ed invece sappiamo tutti com’è andata a finire.
Vorrei ringraziare il Mister Vincenzo Italiano e il Direttore Raffaele Rubino per avermi fatto crescere e migliorare, sia come giocatore ma soprattutto come Uomo.
Un enorme grazie va a questa meravigliosa città che sa sempre sorprendermi e che non vivevo così intensamente da tanto, troppo, tempo dopo essere andato via da casa a 14 anni, sempre per correre dietro a quel pallone.
Un grazie alla mia famiglia, ai miei parenti, ai miei amici.
Grazie ai miei compagni di squadra.
Grazie a tutto lo staff medico, ai magazzinieri e a tutti coloro che hanno fatto parte della nostra splendida famiglia granata.
Porterò sempre nel mio cuore questa annata stupenda, pazza e imprevedibile, da raccontare magari un giorno ai miei figli e ai figli dei miei figli.
Sicuramente non è un addio ma un arrivederci. Auguro il meglio al Trapani Calcio e a tutta Trapani. Ci rivedremo molto presto, perché tu sei Casa.
Un grosso abbraccio a tutti.
Marco.
Freed from desire 🍀