Tentato omicidio, stalking e altri reati, ridotta in Appello condanna per un 36enne di Paceco

Dai 14 anni di reclusione in primo grado a 4 anni e 6 mesi

Ridotta in appello la condanna che era stata inflitta in primo grado dal gip del Tribunale di Trapani al 36enne Antonino Tranchida, arrestato dai Carabinieri nel luglio 2020 con l’accusa di tentato omicidio, atti persecutori, detenzione e porto in luogo pubblico di arma, lesioni personali, minaccia aggravata e violenza privata.

L’ordinanza applicativa della misura cautelare era stata emessa dal gip a conclusione dell’indagine condotta dai militari dell’Arma di Paceco e del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Trapani anche tramite attività tecniche. Era stato lo stesso gip dell’epoca, inoltre, a disporre l’incidente probatorio nel cui ambito erano state sentite tutte le persone offese ed era stata effettuata la perizia sulla vettura nei cui confronti era stato esploso il colpo d’arma da fuoco.

La difesa, rappresentata dagli avvocati Raffaele Bonsignore di Palermo e Natale Pietrafitta di Trapani, nel corso del processo di primo grado, svoltosi con il giudizio abbreviato, si era anche avvalsa della consulenza tecnica del perito Marco Milazzo, sostenendo che quel colpo non rappresentasse affatto un tentativo di uccidere. Una tesi sostenuta anche attraverso la ricostruzione tridimensionale della scena del crimine nell’aula d’udienza.

In primo grado, però, il gip di Trapani, non condividendo la tesi difensiva, aveva condannato l’uomo a 14 anni di reclusione. Nei confronti della sentenza, era stato presentato appello davanti alla Corte d’Appello di Palermo la cui terza sezione si è pronunciata, stamattina, con una sentenza che – riferiscono i difensori – finalmente ha reso giustizia.

L’uomo è stato assolto dal reato di tentato omicidio, con la formula” perché il fatto non sussiste” e la condanna finale è stata ridotta a 4 anni e 6 mesi di reclusione. Un risultato del quale gli avvocati si sono dichiarati soddisfatti

Il brindisi con gli Shark a Palazzo D'Alì 240611

Mentre Shark brinda l’assessore risponde alla Lega Nazionale Pallacanestro [VIDEO]

Adesso si cambia regime, si passa al professionismo un'era nuova che davvero non vediamo l'ora di vivere"
È indiziato di appartenere a Cosa nostra e in affari anche con la famiglia mafiosa di Castelvetrano
Fu ucciso a Palermo in un agguato mafioso con il capitano D'Aleo e l’appuntato Bommarito
La storia del fisico italiano, inventore e padre delle comunicazioni, tra prosa teatrale, canti, musica e coreografie
Iniziativa di Renantis Sicilia in collaborazione con il Dipartimento di Ingegneria
Appello intervenga presso il governo nazionale e la cabina di regia del Ministero della Coesione
15 anni di carriera con all’attivo nove album e oltre 200 live, lo scorso 31 maggio è uscito “Mezzo rotto”, il nuovo singolo feat. Bigmama

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
"Essenziale conoscere le modalità della truffa e denunciare", dicono gli investigatori
Per potenziare i percorsi di tutela dei migranti in condizioni di fragilità in arrivo e inseriti nel sistema di accoglienza
Iniziativa dei consiglieri comunali di minoranza
La mostra, articolata in due musei, il Cordici e il Wigner San Francesco, presenterà opere di Andy Warhol e Mario Schifano