Tari più cara d’Italia, Gaspare Gianformaggio: “Impegno dell’Amministrazione di Trapani insufficiente”

"Non è tollerabile che le famiglie trapanesi siano costrette a pagare così tanto senza una prospettiva futura" afferma il consigliere

“Lo sconto della Tari del 10% attuato da Tranchida lo scorso anno è semplicemente insufficiente. Nonostante il ribasso, infatti, la città di Trapani è la più cara d’Italia e questo è inaccettabile”. Queste le parole del consigliere comunale Gaspare Gianformaggio, molto critico con l’Amministrazione dopo che Trapani è stata dichiarata la città con la Tari più alta nel 2020.

“Trapani ha delle potenzialità enormi – aggiunge Gaspare Gianformaggio – anche grazie alla presenza di una società in house come la Trapani Servizi. Non è tollerabile che le famiglie trapanesi siano costrette a pagare così tanto senza una prospettiva futura. Bisogna, secondo me, mettere mani in modo approfondito al regolamento Tari che nei prossimi giorni arriverà in Consiglio comunale per una verifica”.

In settimana, infatti, tornerà a riunirsi il Consiglio comunale e nell’ordine del giorno vi è anche la modifica del regolamento della tassa sui rifiuti TARI.