Stanotte si torna all’ora solare

Stanotte si passerà dall’ora legale all’ora solare e le lancette dell’orologio dovranno essere portate indietro di 60 minuti, dalle 3 alle 2. Domani, quindi, si dormirà un’ora in più mentre, sul lungo periodo, si guadagnerà un’ora di luce al mattino.

Si tornerà a spostare in avanti le lancette di un’ora domenica 28 marzo 2021 e potrebbe trattarsi dell’ultima volta dal momento che, il prossimo anno, l’Italia dovrà decidere se conservare l’ora solare o adottare quella legale per tutto l’anno.

Poco più di due anni fa, infatti, tra luglio e agosto 2018, è stata avanzata la proposta di abolizione del cambio dell’ora: quasi cinque milioni di cittadini dell’Unione Europea hanno risposto a una consultazione, promossa a tale scopo dai Paesi nordeuropei, capeggiati da Polonia e Finlandia. A esprimersi favorevolmente fu il 76% dei votanti. Nella discussione che è seguita alla Commissione Europea non si è, però, raggiunta una decisione univoca che accontentasse tutti i Paesi membri.

La convenzione che vuole che si spostino in avanti o indietro le lancette dell’orologio ogni anno a marzo e ottobre nasce per sfruttare al massimo le ore di luce a disposizione e ridurre i consumi energetici. In questi sette mesi di ora legale che si concludono oggi, l’Italia ha risparmiato complessivamente 400 milioni di kilowattora di elettricità, pari al consumo medio annuo di circa 150mila famiglie, con un beneficio economico per il sistema di 66 milioni di euro.

I dati sono rilevati da Terna, la società che gestisce la rete elettrica nazionale. Impatti positivi anche in termini di sostenibilità ambientale, con 205mila tonnellate in meno di CO2 immesse in atmosfera. Dal 2004 al 2020, secondo l’analisi di Terna, il minor consumo di elettricità per il nostro Paese, dovuto all’ora legale, è stato complessivamente di circa 10 miliardi di kilowattora e ha comportato, in termini economici, un risparmio per i cittadini di 1 miliardo e 720 milioni di euro.

Nei mesi di aprile e ottobre, spiega ancora Terna, si è registrato, come di consueto, il maggior risparmio di energia elettrica (sebbene in aprile questo sia stato inferiore rispetto ai valori medi degli scorsi anni per effetto della contrazione dei consumi legati all’emergenza Covid-19). Ciò è dovuto al fatto che questi due mesi hanno giornate più “corte” in termini di luce naturale, rispetto ai mesi dell’intero periodo.

Spostando in avanti le lancette di un’ora, quindi, si ritarda l’utilizzo della luce artificiale in un momento in cui le attività lavorative sono ancora in pieno svolgimento. Nei mesi estivi come luglio e agosto, invece, poiché le giornate sono già più lunghe, l’effetto “ritardo” nell’accensione delle lampadine si colloca nelle ore serali, quando le attività lavorative sono per lo più terminate, e fa registrare risultati meno evidenti in termini di risparmio di elettricità.