Sbarchi migranti e coronavirus, nuova ordinanza del presidente Musumeci [VIDEO]

Il presidente della Regione Nello Musumeci ha firmato una nuova ordinanza che regolamenta i controlli sugli sbarchi dei migranti in Sicilia.

Il provvedimento stabilisce che “i migranti che raggiungono le coste siciliane con imbarcazioni di grandi dimensioni, con mezzi di soccorso delle Ong, o di organizzazioni statali, europee e internazionali, ovvero con mezzi propri, sono sottoposti a visita medica” e “sono posti in quarantena per un tempo non inferiore a 14 giorni a bordo della nave di arrivo, dove ciò sia consentito in sicurezza, o su ‘navi-quarantena’ all’uopo predisposte dalle Autorità del governo centrale e istituisce le Aree speciali di controllo
(ASC) nei porti di sbarco e intorno a centri di accoglienza. Da queste aree i migranti non potranno muoversi, l’ingresso e l’uscita saranno consentiti solo al personale autorizzato

“Faremo noi i tamponi – ha detto il governatore – se l’Usmaf e lo Stato non sono in condizioni di farli e chiediamo cordoni di polizia attorno alle aree speciali e ai centri per evitare fughe di migranti”.
I migranti con sintomatologia sospetta saranno sottoposti a tampone quelli asintomatici a test sierologici.

L’ordinanza prevede l’obbligo di comunicazione, da parte delle Prefetture territorialmente competenti, dell’arrivo di migranti all’Autorità sanitaria regionale. Anche del trasferimento dei migranti presi in carico nei centri di accoglienza o comunque giunti in Sicilia dovrà essere data tempestiva comunicazione, sempre da parte delle Prefetture, alla Protezione civile regionale.

“Non possiamo chiedere sacrifici a 5 milioni di Siciliani per rispettare norme contro il contagio e non avere regole certe sui migranti”, ha detto Musumeci che chiede maggiore collaborazione al Ministero degli Interni.
GUARDA IL VIDEO del presidente Musumeci