Popolazione a Trapani: siamo sempre meno, i dati ufficiali della crisi demografica

Sempre meno nascite e sempre più decessi. Trapani, come il resto d’Italia, è in crisi demografica. I numeri sono chiari: la “Relazione sulla performance 2018” racconta che “la composizione demografica locale evidenzia tendenze, quali l’invecchiamento, che un’Amministrazione deve saper interpretare prima di pianificare gli interventi. L’andamento demografico nel complesso, ma soprattutto il saldo naturale e il riparto per sesso ed età, sono fattori importanti che incidono sulle decisioni del Comune sia per quanto riguarda l’erogazione dei servizi che la politica degli investimenti”.

Le statistiche del 2018 sono chiare: la popolazione legale dell’ultimo censimento disponibile (2011) è pari 69.241 cittadini, il movimento demografico della popolazione all’1-01-2018 corrispondeva a 67.923 persone. I nati nell’anno sono stati 488 mentre i deceduti 724. Il saldo naturale, quindi, è di -236. Gli immigrati nel 2018 sono stati 1.797, gli emigrati nell’anno, invece, 1.953. il saldo migratorio, quindi, è di  -156. Il dato finale della popolazione cittadina al 31 dicembre del 2018 è 67.531.

Il trend a saldo negativo di -219 unità quale rapporto tra nascite e morti (508 complessivamente i nuovi nati, 726 i morti), conferma il trend nazionale di aumento della popolazione anziana. Una crescita zero italiana evidenziata dei dati dell’Istat. Al 31 dicembre 2018 la popolazione residente in Italia è inferiore di oltre 124 mila unità rispetto all’anno precedente. Si tratta del quarto anno consecutivo di diminuzione: dal 2015 sono oltre 400 mila i residenti in meno, un ammontare superiore agli abitanti del settimo comune più popoloso d’Italia. Nello stesso anno si registrano un livello minimo di nascite, meno decessi e meno iscrizioni dall’estero rispetto all’anno precedente.

Tornando alla situazione Trapanese, sono più le donne che gli uomini. I maschi sono 32.623 mentre le femmine sono 34.908.

Per quanto riguarda il tasso di natalità, si segnala che nel territorio comunale non sono presenti né ospedali né cliniche private in quanto hanno tutte con sede nel territorio del limitrofo Comune di Erice e conseguentemente non si registrano nati a Trapani (tranne in rarissimi casi di parti al domicilio).  L’età media è di 43,8 anni. Analizzando il movimento della popolazione, nell’anno 2018 si rilevano 1.853 iscritti per trasferimento di residenza, la maggior parte dei quali provenienti da altri comuni soprattutto Erice e 1865 i cancellati per trasferimento di residenza con saldo migratorio di -12.

Data la particolare conformazione del Comune di Trapani, buona parte degli spostamenti della popolazione è legata al trasferimento da un quartiere all’altro dello stesso tessuto urbano appartenente ad altro Comune (Erice); è rilevante il numero di emigrati verso l’Italia Settentrionale, Centrale e Meridionale, per motivi di studio e di lavoro.

Già a partire dal 2015, in Italia, il numero di nascite è sceso sotto il mezzo milione e nel 2018 si registra un nuovo record negativo: sono stati iscritti in anagrafe per nascita solo 439.747 bambini, il minimo storico dall’Unità d’Italia. La diminuzione delle nascite è di oltre 18 mila unità rispetto al 2017 (-4,0%). Il calo si registra in tutte le ripartizioni ma è più accentuato al Centro (-5,1% rispetto all’anno precedente).