Nuovo padiglione Malattie infettive, Razza a Marsala per l’avvio del cantiere

L’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza ha presenziato, stamattina, alla posa della prima pietra del nuovo padiglione che ospiterà il reparto di Malattie Infettive a Marsala.

Insieme a lui il commissario straordinario dell’Asp Paolo Zappalà e il sindaco Massimo Grillo, l’assessore regionale alle Attività produttive Mimmo Turano, i parlamentari regionali del territorio Stefano Pellegrino, Eleonora Lo Curto e Sergio Tancredi, il presidente del Consiglio comunale, Enzo Sturiano, e Francesco Giurlanda, direttore sanitario dell’ospedale “Paolo Borsellino”.

“Oggi è una buona giornata per la Sanità marsalese, sono stati avviati i lavori per la costruzione di un padiglione dedicato alla cura delle Malattie infettive nell’area del nostro ospedale – ha detto il sindaco Massimo Grillo. Grazie a questo intervento straordinario, Marsala e la provincia avranno, a breve, a disposizione 104 posti letto. In queste settimane abbiamo seguito i lavori e ci siamo confrontati quotidianamente con l’assessore Razza affinchè si procedesse con celerità per dare un segnale forte e concreto alla comunità marsalese. Oggi, con una certa emozione, possiamo dire che questo segnale per Marsala e i marsalesi è arrivato”.

La realizzazione del nuovo padiglione costerà 13 milioni di euro, già disponibili, e la consegna dei lavori è prevista per l’autunno del 2021. Sorgerà su tre elevazioni all’interno di un’area di circa 6.242 metri quadrati. Al piano terra è prevista l’area di Pronto Soccorso e la Tac, al primo piano l’area riservata alle degenze ordinarie e all’assistenza dei parenti, al secondo piano l’area della Terapia intensiva (con 16 posti letto) e sub-intensiv (con 30 posti letto.

Soddisfazione nelle parole dell’assessore Razza: “Ringrazio il sindaco di Marsala che, anche per l’esperienza maturata in passato come Assessore regionale alla Sanità, ha dato la propria disponibilità e che ha consentito di determinare in questa città un punto di riferimento per affrontare l’emergenza Covid-19 con competenza, capaicità, e professionalità. Plaudo alla squadra di primari e di collaboratori che opera al “Paolo Borsellino” che si sono messi al centro di un lavoro molto importante e che lo fanno con dedizione e amore verso il prossimo, ben oltre l’aspetto professionale”.