Nuovo DPCM, salta il Consiglio comunale di Trapani. Guaiana: “Normativa poco chiara, mancano linee guida”

Salta il Consiglio comunale di Trapani di questa sera. Il presidente Giuseppe Guaiana, infatti, visto il nuovo DPCM ha deciso l’annullamento in via precauzione dell’assemblea. Il DPCM, infatti, prevede che “Nell’ambito delle pubbliche amministrazioni le riunioni si svolgono in modalità a distanza, salvo la sussistenza di motivate ragioni di interesse pubblico; è fortemente raccomandato svolgere anche le riunioni private in modalità a distanza”.

«Abbiamo immediatamente chiesto al Ministero della Funzione pubblica cosa va inteso come “motivate ragioni di interesse pubblico” – afferma Giuseppe Guaiana – , di fatto mancano tutte le linee guida e senza una interpretazione chiara potrebbero essere vietate riunioni di presenza come Consigli comunali, Giunte, riunioni di capigruppo e commissioni consiliari».

La sessione era prevista per le 19. Quello di Trapani è il primo consiglio che non può essere svolto in Italia per il nuovo Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri.