Muralisti internazionali all’opera a Trapani con il progetto “Trap”

Saranno realizzate cinque opere da importanti muralisti internazionali

Incontro al Municipio di Trapani, stamane, per la presentazione del progetto “Trap”, grazie al quale saranno realizzate cinque opere da importanti muralisti internazionali.

L’idea, nata in occasione della candidatura della città di Trapani a Capitale italiana della cultura potrà essere concretizzata grazie ad una donazione dei parlamentari del Movimento 5 Stelle all’Ars ed alle auto-decurtazioni degli stipendi devolute dagli stessi per realizzare interventi come questo.

Ad organizzare la manifestazione è l’associazione Pandora, forte dell’esperienza FestiWall a Ragusa che, in cinque anni, ha fatto diventare il capoluogo ibleo una delle capitali italiane dell’arte urbana.
Cinque artisti, quindi, per cinque punti strategici della città di Trapani e non solo, che vede gli uruguaiani del collettivo Licuado intervenire sui muri del Cimitero comunale che si affacciano sul lungomare Dante Alighieri (già acquisito parere favorevole della Soprintendenza), l’artista messicano Said Dokins sui pilastri di cemento lungo via Libica, porta d’ingresso in città, l’argentino Eversiempre sul perimetro del Centro sportivo “Roberto Sorrentino” e l’italiano Ligama su un prospetto nel quartiere San Giuliano, nel territorio comunale di Erice. L’artista australiano Guido van Helten, invece, ha posticipato il suo arrivo nel 2022 per un intervento su due prospetti all’ingresso del quartiere Fontanelle.

“Trap vuole essere un progetto pilota, un primo approccio a una città piena di risorse e contenuti che grazie all’arte pubblica possono diventare spunti di riflessione”, spiega il curatore Vincenzo Cascone che ha introdotto la presentazione del progetto, ribadendo che “tutti gli artisti hanno indagato alcuni aspetti della millenaria storia della città, ora ispirandosi ai testi storici ora sviluppando le caratteristiche del contesto urbano. Il risultato sarà sorprendente”.

“Crediamo molto nel potere rigenerativo dell’arte pubblica, in una regione come la Sicilia che, durante la crisi pandemica, ha dovuto sostenere con enorme sforzo il blocco delle attività con le ripercussioni sociali che tutti conosciamo. Quella di Trapani, come tutte le candidature a Capitale della cultura, ci sono sembrate meritorie di una donazione a prescindere dai colori politici”, ha detto la parlamentare Stefania Campo, presidente dell’Associazione Movimento 5 Stelle Sicilia.

“Siamo orgogliosi di dare il via ad un progetto straordinario che vede in campo artisti di fama internazionale che trasformeranno alcuni angoli della città in opere d’arte senza pari – dichiarano il sindaco Tranchida e l’assessora comunale alla Cultura d’Alì -. Puntiamo a trasformare Trapani in centro di riferimento italiano dell’arte urbana e siamo grati agli organizzatori per lo straordinario contributo che daranno al nostro territorio”

Fileccia v/s Barbara, polemica a suon di “Pop Fest” [AUDIO e VIDEO]

Barbara "In estate tornerà la ruota panoramica", Fileccia "Se è così, la prossima festa di capodanno la organizzo io!"
Gli studenti di alcune scuole primarie parteciperanno ad una visita teatralizzata
Dopo la notifica della misura della custodia cautelare in carcere aveva accusato un malore
Comprando il pacchetto doppio verrà omaggiata una t-shirt speciale
Dal 4 maggio a Palazzo Florio, sede della Biblioteca comunale
Il documentario mostra il filo che lega l'industria della carne, le lobby e il potere politico in Europa

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Sogni veri di una vita inventata

Una seconda possibilità è una grande dimostrazione di amore e compassione verso me stesso e potrebbe rappresentare un passo importante per la mia crescita...

Do you remember 2023?

Torna il blog di Andrea Castellano e si tuffa nell'anno appena passato: dalla crisi alla rinascita
Curata dall’associazione “Plastic free”: domani raduno alle 10.30 in piazzale Stenditoio
Ha lo scopo di far incontrare e interagire operatori del settore turistico locale
L’iniziativa mira a rendere accessibile il patrimonio artistico e archeologico a tutti i cittadini