MUOS – Palazzotto (SEL): i danni dovrebbero chiederli i siciliani

I lavori per l’installazione del gigantesco sistema di comunicazione MUOS sono stati fermati tra mille polemiche ma il governo americano ora chiede i danni. E nell’aula di Montecitorio il deputato di SEL Erasmo Palazzotto chiede a sua volta i danni per i cittadini siciliani che, in pendenza di un parere vincolante del Ministero della Sanità sull’intero progetto, dovrebbero comunque essere risarciti per la militarizzazione subita dal territorio siciliano, per il fatto di essere considerati obiettivo sensibile a livello planetario, per le interferenze che il sistema MUOS avrebbe sull’aeroporto di Comiso che ha già una fase progettuale complessa senza contare le complicazioni tecniche che il sistema americano porterebbe con se. In definitiva, Palazzotto definisce la situazione un paradosso.