Migranti, bus Ast per trasferimenti dal CPR di Trapani Milo

Sono 234 le persone da portare in altri centri del territorio nazionale

Dopo i massicci arrivi degli ultimi giorni, si attiva anche la collaborazione tra governo regionale e Prefettura di Trapani per far fronte al trasferimento di 234 migranti dal Centro di Permanenza per i Rimpatri di contrada Milo a Trapani ai centri di accoglienza. L’Ast, società regionale per il trasporto pubblico, ha messo a disposizione cinque bus che domani, 15 agosto, trasferiranno 70 persone a Catania, 114 a Reggio Calabria e 50 a Vibo Valentia.

«Abbiamo immediatamente attivato l’Ast che non si è tirata indietro. Il presidente Schifani – dice l’assessore regionale alle Infrastrutture e alla mobilità Alessandro Aricò – nei mesi scorsi ha ottenuto il riconoscimento dello stato di emergenza da parte dell’esecutivo nazionale e sta facendo la propria parte anche sul fronte dei trasferimenti. Un contributo importante per gestire l’enorme flusso di migranti che sta raggiungendo la Sicilia».

Fileccia v/s Barbara, polemica a suon di “Pop Fest” [AUDIO e VIDEO]

Barbara "In estate tornerà la ruota panoramica", Fileccia "Se è così, la prossima festa di capodanno la organizzo io!"
Sono il 51enne Francesco Marchese, la 43enne Giuseppa Valentina Piccione e la 43enne Donatella Ingardia
Non metteva post pubblici, ma utilizzava molto la messaggistica privata
Sabato 28 e domenica 29 aprile nella piazza ex Mercato del pesce
"Su altre opere candidate dal Comune di Trapani si aprirà un tavolo di confronto con la governance della ZES"

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Sogni veri di una vita inventata

Una seconda possibilità è una grande dimostrazione di amore e compassione verso me stesso e potrebbe rappresentare un passo importante per la mia crescita...

Do you remember 2023?

Torna il blog di Andrea Castellano e si tuffa nell'anno appena passato: dalla crisi alla rinascita
Gli studenti di alcune scuole primarie parteciperanno ad una visita teatralizzata
Dopo la notifica della misura della custodia cautelare in carcere aveva accusato un malore