Marsala: premiati studenti dell’Istituto comprensivo “Cavour Mazzini”

Il sindaco ha consegnato loro degli attestati

Il sindaco di Marsala, Massimo Grillo, ha ricevuto a Palazzo Municipale la scolaresca della 1° G dell’Istituto comprensivo “Cavour Mazzini”, annesso al Convitto Audiofonolesi di Marsala, diretto da Annalisa Giacalone.

Gli studenti che per l’occasione erano accompagnati, oltre che dalla dirigente, anche dalle insegnanti Giacoma Maria Pellegrino, Donatella Tripoli, Maria Grazia Palermo hanno ricevuto dal sindaco degli attestati considerato che in ogni momento della loro vita, malgrado la loro giovane età, hanno dimostrato una straordinaria capacità di empatia, azioni di solidarietà e buone pratiche. Alla cerimonia ha anche preso parte l’assessore Maria Donatella Ingardia.

Tari, ecco come e perchè aumenta per i Trapanesi [AUDIO]

Ce lo spiega Alberto Mazzeo, assessore al Bilancio e alle Finanze del Comune di Trapani
Ce lo spiega Alberto Mazzeo, assessore al Bilancio e alle Finanze del Comune di Trapani
Il femminicidio avvenne il 24 dicembre 2022 a Marinella di Selinunte
L'episodio è avvenuto nella notte tra il 25 e il 26 giugno scorso
L'episodio è avvenuto lo scorso anno vicino al Canile comunale
Il 23enne centrocampista arriva da svincolato
Il playmaker statunitense proviene da Rio Breogàn, squadra militante nel massimo campionato spagnolo
Sabato sera si è svolto il quarto appuntamento della rassegna concertistica, arricchito da aneddoti e racconti
La manifestazione si protrarrà fino al 28 luglio
Lo hanno siglato il questore Giuseppe Peritore e la presidente Aurora Ranno

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
"Con le mie ali, trovare sé stessi, cambiare il mondo" vuole essere un’indagine sui cambiamenti di prospettiva del mondo giovanile
Una storia grottesca, quasi incredibile, di piante, divieti di sosta e sfabbricidi. Per fortuna a lieto fine