Manca il Bilancio consuntivo al Comune di Trapani, salta il rinnovo del contratto degli assistenti sociali

La situazione è stata messa in risalto in una interrogazione delle consigliere del Movimento 5 Stelle Chiara Cavallino e Francesca Trapani

La situazione è complicata. Il Comune di Trapani non ha ancora approvato il Bilancio Consuntivo 2019. Questa cosa genera enormi problemi: non è possibile, infatti, assumere personale, non è possibile l’applicazione dell’avanzo di bilancio e si entra in commissariamento.
Concentrandosi sulla prima limitazione, il 31 dicembre sono scaduti i contratti degli operatori per l’Assistenza Educativa Domiciliare, l’Assistenza Educativa Territoriale per supporto all’inclusione sociale di giovani e per Servizi di Sostegno Educativo Scolastico ed extra scolastico sul territorio del Distretto Socio-Sanitario D50 (dove Trapani è il comune capofila). Questi contratti non sono rinnovabili proprio perché manca il Bilancio Consuntivo 2019.

La situazione è stata messa in risalto in una interrogazione delle consigliere del Movimento 5 Stelle Chiara Cavallino e Francesca Trapani. Le due hanno chiesto all’Amministrazione se il servizio di Assistenza Educativa Domiciliare – Programma PON INCLUSIONE – è sospeso o interrotto e come intende l’Amministrazione comunale garantire il servizio fino al 31 giugno.
Una matassa intrigata da sbrogliare.

“Provo profondo sgomento nell’ascoltare che si sta cercando “una soluzione” per il servizio di assistenza educativa domiciliare, ad oggi, sospeso” afferma la consigliera pentastellata Chiara Cavallino commentando l’attuale situazione.

“Sospensione nemmeno comunicata ufficialmente agli Enti del Terzo Settore, direttamente coinvolti. Dalle spiegazioni ricevute in aula si conferma l’inefficienza di questa amministrazione che non riesce nemmeno a garantire un servizio fondamentale per i nostri minori e le loro famiglie. L’amministrazione non ha ancora approvato il Bilancio Consuntivo determinando l’immobilismo su vari fronti. Uno di questi è proprio il sociale, in quanto ha sospeso il servizio per “problemi di contabilità” e, in assenza del consuntivo, non ha potuto altresì procedere alla proroga dei contratti di lavoro degli assistenti sociali impiegati nel Programma (PON-SIA-REI), riuscendo solo a non garantire il servizio ai diretti beneficiari. Ci auguriamo che la “soluzione” che stanno cercando arrivi presto, al fine di garantire la conclusione delle attività fino al 30 giugno 2021”.

In aula, infatti, ha risposto direttamente il primo cittadino Giacomo Tranchida che ha sottolineato come si stia cercando una soluzione e che fondamentalmente manca il Consuntivo del 2019.

“Ci auguriamo che l’Amministrazione cambi rotta al più presto – concludono le due consigliere del Movimento 5 Stelle – ma ad oggi si conferma incapace di alcuna forma di programmazione strategica, con la conseguente corsa al mettere le pezze”.

Interpellato, l’assessore al Bilancio Fabio Bongiovanni sottolinea come “gli uffici stiano spingendo al massimo per recuperare e arrivare all’approvazione del Consuntivo 2019. Da qui fino a marzo sarà una corsa contro il tempo per le varie scadenze”. Insomma, c’è da correre, senza se e senza ma.