L’architetto trapanese Giuseppe Todaro conquista il premio internazionale “The Plan”

L’architetto trapanese Giuseppe Todaro si è aggiudicato il prestigioso “The Plan Award”, premio autorevole riconosciuto e ambito a livello nazionale e internazionale. Todaro si è aggiudicato la categoria “House” con il suo progetto “Courtyard Housing B”.

“L’intervento progettuale – spiega Todaro – intende risolvere la richiesta del committente per la realizzazione di tre abitazioni, confrontandosi con le difficoltà nascenti dalla conformazione dell’area. Il lotto risulta essere chiuso dalle pareti degli edifici circostanti tranne il lato prospiciente via Giovanni Adragna. Il principio insediativo vuole risolvere per sottrazione volumetrica le diverse problematiche adeguandosi al comparto ben stratificato, riuscendo a garantire la privacy rispetto al circostante, e non solo, ma anche fra i tre appartamenti garantendo, per quanto possibile, una luminosità adeguata alle tre abitazioni”.

Oltre alla vittoria nella categoria “House”, Todaro è stato inserito nella short list finalista anche in altre tre categoria. “Sono estremamente soddisfatto e sorpreso il risultato raggiunto: è un grande onore per me, umile architetto “di provincia” vincere un premio internazionale contro colossi mondiali come studi con una moltitudine di dipendenti”.

Laureato in architettura nel 2002 a Palermo con tesi in progettazione architettonica, è stato professore a contratto presso la Facoltà di Architettura di Palermo e assistente ai corsi di Progettazione Architettonica tenuti da Bibi Leone, Giovanbattista Magazzú e Marcello Panzarella. Nel 2004 ha fondato il suo studio. Il 19 Gennaio 2013 incontra Alvaro Siza Vieira presso il suo studio a Porto con il quale intrattiene una conversazione pubblicata da cui nasce il libro “Muratore di opera grave”.