Incidente sul lavoro a Custonaci, l’autopsia esclude malore della vittima

Nessuna traccia, inoltre, di assunzione di alcol o altro tipo di sostanze che potrebbero averne alterato la capacità di guida

Nessun segno di malore nè di assunzione di alcol o altro tipo di sostanze che potrebbero averne alterato la capacità di guida. Questo l’esito dell’esame autoptico eseguito sul corpo del 33enne Nicolò Giacalone, morto in un incidente sul lavoro, lo scorso 20 luglio, a Custonaci. L’uomo, dipendente di una segheria, procedeva in discesa con un mezzo pesante sulla via Ragusa quando, per cause che restano da accertare, è andato a impattare contro il guardrail, che ha ceduto, facendo un salto di circa 3,5 metri in un terreno sottostante.

Dai primi rilievi effettuati non erano stati riscontrati segni di frenata sull’asfalto e questo potrebbe far ipotizzare proprio un guasto al sistema frenante del mezzo, dato che l’autopsia ha escluso cause legate allo stato fisico del conducente. Il corpo dell’uomo, ormai esanime, era stato recuperato dall’interno dell’abitacolo.

A rendere noto l’esito dell’esame è l’avvocato Natale Pietrafitta, legale della famiglia della vittima che commenta: “Lo scorso 25 luglio si sono svolti gli accertamenti autoptici e altri accertamenti sono previsti a breve: primo fra tutti, quello tecnico per verificare le condizioni della gru e valutare se fosse perfettamente funzionante al momento in cui veniva condotta su strada. Quel mezzo non avrebbe potuto circolare sulla via pubblica ma poteva essere utilizzato solo all’interno dell’area aziendale”.

“C’è, quindi, da chiedersi – prosegue il legale – come mai Giacalone sia stato incaricato di salirvi a bordo. V’è un dato, quella stessa mattina, proprio il titolare della Sud Marmi avrebbe dovuto piantumare degli alberi presso la propria abitazione: resta, quindi, il dubbio che a ciò servisse proprio quella gru”.  L’avvocato Pietrafitta, inoltre, si dice “sgomento per l’atteggiamento dell’azienda che ha affermato di avere subito ‘ingenti danni sotto molteplici profili’ in conseguenza del tragico evento nel quale ha perso la vita il trentatreenne. In uno scambio epistolare con il loro avvocato – prosegue il legale della famiglia della vittima – quest’ultimo ha rimarcato l’asserito patimento di ingenti danni da parte dell’azienda, affermando che ogni responsabilità fosse da ascrivere esclusivamente al dipendente. Questi atteggiamenti non rendono giustizia ad un giovane che, invece, per quella azienda ha perso la propria vita”.

 

Altro che sindaco o assessore, a Trapani decidono i topi [AUDIO]

Intervista all'assessore Emanuele Barbara e a Livio Marrocco presidente di Nova Civitas
Intervista all'assessore Emanuele Barbara e a Livio Marrocco presidente di Nova Civitas
Con Ornella Fulco parliamo del primo appuntamento della rassegna letteraria di questa sera, giovedì 18 luglio al Teatro comunale di Valderice
Nascondeva una pistola d avrebbe messo a disposizione del boss un garage trasformato in appartamentino
Si tratta del terzo spettacolo in cartellone e si terrà al Salotto Culturale Insonnia il 24 luglio
L'autrice firmerà il suo libro “Granita e baguette”, nuovo “capitolo” della saga delle Signore di Monte Pepe
Lo scrittore trapanese torna a trattare in chiave romanzata lo scottante tema della violenza sulle donne
Ne parliamo con la professoressa Giovanna Parisi, coordinatrice del corso di laurea in Biodiversità e Innovazione Tecnologica

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Si prosegue, fino al 20 luglio, con un ricco programma di proiezioni a cielo aperto, incontri e dibattiti, degustazioni e spettacoli
Due mesi di concerti, spettacoli e performance che abbracciano sette secoli di storia musicale, dal Medioevo al Barocco
Schifani: «Ordinanza per tutelare la salute degli addetti più a rischio»