Il Caso Bresci e il confronto tra repressione pubblica e violenza privata: un dibattito a Trapani

L'associazione "Casa del Popolo" esplora l'arringa difensiva di Saverio Merlino e i temi sociali ad essa collegati

Il prossimo 21 ottobre, l’associazione “Casa del Popolo” invita la comunità di Trapani a partecipare a un interessante colloquio-dibattito che esamina il Caso Bresci e il complesso rapporto tra repressione pubblica e violenza privata. L’evento avrà inizio alle 16:30 presso la sede dell’associazione ospitata nei locali della Chiesa Valdese, situata in via Orlandini, 38.

Spesso, di fronte a crimini che catturano l’attenzione dell’opinione pubblica, emerge una richiesta di “pene esemplari” e di “giudizi immediati e sommari”. Tale “clima” è stato evidente anche in seguito all’omicidio del re d’Italia Umberto I a opera dell’anarchico Gaetano Bresci il 29 luglio 1900.

Tuttavia, la difesa di Bresci, affidata all’avvocato Francesco Saverio Merlino, socialista con una lunga storia di militanza anarchica, sollevò importanti questioni politiche e sociali.

L’associazione “Casa del Popolo” ha deciso di esaminare l’arringa difensiva di Saverio Merlino e dedicare un incontro-dibattito a questa tematica. Gli avvocati Fabio Altese e Andrea Miceli e il docente di filosofia e storia Salvatore Bongiorno si uniranno all’attivista Natale Salvo per esplorare diverse sfaccettature di questa lettura.

Merlino iniziò la sua arringa con l’affermazione chiave: “Vengo ad adempiere a un sacro dovere qual è quello della difesa.” Tuttavia, si spinse oltre, affermando che “non crediate che coi verdetti eccessivi, colle condanne atroci si reprima il delitto.”

Successivamente, Merlino si trasformò in un discorso politico e sociale, sottolineando che “certi gravi delitti, come l’attuale, rispondono a gravi problemi sociali, e questi problemi sociali devono essere studiati e risolti con amore, con coscienza da tutti i buoni cittadini.” Tuttavia, fece notare che “ammazzare un uomo, sia un re, sia un capo di governo, sia un avversario qualsiasi, non può risolvere nessun problema sociale,” e sostenne che “per impedire il delitto politico non vi è che un solo metodo: libertà per tutte le opinioni.”

Il giurista Merlino concluse la sua arringa con un’accusa al sistema repressivo dello stato, affermando che “quando negate libertà – a certe opinioni, quando voi maggioranza commettete abusi ed ingiustizie, allora necessariamente, inducete la minoranza ad uscire anch’essa dal terreno della legalità, e violare in voi quella libertà che voi violate in essa.”

L’evento prevede anche un’interlocuzione del pubblico con i relatori e un dibattito aperto, offrendo l’opportunità di esplorare queste questioni storiche e sociali in un contesto contemporaneo.

Un’occasione unica per riflettere sulla complessa relazione tra la repressione pubblica e la violenza privata e sui modi in cui la società può rispondere a tali sfide.

Altro che sindaco o assessore, a Trapani decidono i topi [AUDIO]

Intervista all'assessore Emanuele Barbara e a Livio Marrocco presidente di Nova Civitas
Intervista all'assessore Emanuele Barbara e a Livio Marrocco presidente di Nova Civitas
Con Ornella Fulco parliamo del primo appuntamento della rassegna letteraria di questa sera, giovedì 18 luglio al Teatro comunale di Valderice
Nascondeva una pistola d avrebbe messo a disposizione del boss un garage trasformato in appartamentino
Si tratta del terzo spettacolo in cartellone e si terrà al Salotto Culturale Insonnia il 24 luglio
L'autrice firmerà il suo libro “Granita e baguette”, nuovo “capitolo” della saga delle Signore di Monte Pepe
Lo scrittore trapanese torna a trattare in chiave romanzata lo scottante tema della violenza sulle donne
Ne parliamo con la professoressa Giovanna Parisi, coordinatrice del corso di laurea in Biodiversità e Innovazione Tecnologica

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Si prosegue, fino al 20 luglio, con un ricco programma di proiezioni a cielo aperto, incontri e dibattiti, degustazioni e spettacoli
Due mesi di concerti, spettacoli e performance che abbracciano sette secoli di storia musicale, dal Medioevo al Barocco
Schifani: «Ordinanza per tutelare la salute degli addetti più a rischio»