Il Caso Bresci e il confronto tra repressione pubblica e violenza privata: un dibattito a Trapani

L'associazione "Casa del Popolo" esplora l'arringa difensiva di Saverio Merlino e i temi sociali ad essa collegati

Il prossimo 21 ottobre, l’associazione “Casa del Popolo” invita la comunità di Trapani a partecipare a un interessante colloquio-dibattito che esamina il Caso Bresci e il complesso rapporto tra repressione pubblica e violenza privata. L’evento avrà inizio alle 16:30 presso la sede dell’associazione ospitata nei locali della Chiesa Valdese, situata in via Orlandini, 38.

Spesso, di fronte a crimini che catturano l’attenzione dell’opinione pubblica, emerge una richiesta di “pene esemplari” e di “giudizi immediati e sommari”. Tale “clima” è stato evidente anche in seguito all’omicidio del re d’Italia Umberto I a opera dell’anarchico Gaetano Bresci il 29 luglio 1900.

Tuttavia, la difesa di Bresci, affidata all’avvocato Francesco Saverio Merlino, socialista con una lunga storia di militanza anarchica, sollevò importanti questioni politiche e sociali.

L’associazione “Casa del Popolo” ha deciso di esaminare l’arringa difensiva di Saverio Merlino e dedicare un incontro-dibattito a questa tematica. Gli avvocati Fabio Altese e Andrea Miceli e il docente di filosofia e storia Salvatore Bongiorno si uniranno all’attivista Natale Salvo per esplorare diverse sfaccettature di questa lettura.

Merlino iniziò la sua arringa con l’affermazione chiave: “Vengo ad adempiere a un sacro dovere qual è quello della difesa.” Tuttavia, si spinse oltre, affermando che “non crediate che coi verdetti eccessivi, colle condanne atroci si reprima il delitto.”

Successivamente, Merlino si trasformò in un discorso politico e sociale, sottolineando che “certi gravi delitti, come l’attuale, rispondono a gravi problemi sociali, e questi problemi sociali devono essere studiati e risolti con amore, con coscienza da tutti i buoni cittadini.” Tuttavia, fece notare che “ammazzare un uomo, sia un re, sia un capo di governo, sia un avversario qualsiasi, non può risolvere nessun problema sociale,” e sostenne che “per impedire il delitto politico non vi è che un solo metodo: libertà per tutte le opinioni.”

Il giurista Merlino concluse la sua arringa con un’accusa al sistema repressivo dello stato, affermando che “quando negate libertà – a certe opinioni, quando voi maggioranza commettete abusi ed ingiustizie, allora necessariamente, inducete la minoranza ad uscire anch’essa dal terreno della legalità, e violare in voi quella libertà che voi violate in essa.”

L’evento prevede anche un’interlocuzione del pubblico con i relatori e un dibattito aperto, offrendo l’opportunità di esplorare queste questioni storiche e sociali in un contesto contemporaneo.

Un’occasione unica per riflettere sulla complessa relazione tra la repressione pubblica e la violenza privata e sui modi in cui la società può rispondere a tali sfide.

Fileccia v/s Barbara, polemica a suon di “Pop Fest” [AUDIO e VIDEO]

Barbara "In estate tornerà la ruota panoramica", Fileccia "Se è così, la prossima festa di capodanno la organizzo io!"
Sono il 51enne Francesco Marchese, la 43enne Giuseppa Valentina Piccione e la 43enne Donatella Ingardia
Non metteva post pubblici, ma utilizzava molto la messaggistica privata
Sabato 28 e domenica 29 aprile nella piazza ex Mercato del pesce
"Su altre opere candidate dal Comune di Trapani si aprirà un tavolo di confronto con la governance della ZES"

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Sogni veri di una vita inventata

Una seconda possibilità è una grande dimostrazione di amore e compassione verso me stesso e potrebbe rappresentare un passo importante per la mia crescita...

Do you remember 2023?

Torna il blog di Andrea Castellano e si tuffa nell'anno appena passato: dalla crisi alla rinascita
Gli studenti di alcune scuole primarie parteciperanno ad una visita teatralizzata
Dopo la notifica della misura della custodia cautelare in carcere aveva accusato un malore