TrapaniSi https://www.trapanisi.it Trapani SI Tue, 23 Jul 2019 13:04:05 +0000 it-IT hourly 1 https://wordpress.org/?v=5.2.2 Furto in abitazione, arrestato un 36enne https://www.trapanisi.it/furto-in-abitazione-arrestato-un-36enne/ Tue, 23 Jul 2019 13:04:05 +0000 https://www.trapanisi.it/?p=47848 Arresti domiciliari, come disposto dal Tribunaledi Marsala, per il 36enne tunisino Bassem Gomri, disoccupato con precedenti di polizia, ritenuto autore di un furto aggravato in appartamento avvenuto a Mazara del Vallo. L’uomo era ricercato già da diverse settimane dai militari dell’Arma ma il suo stato di irreperibilità è finalmente terminato quando gli agenti della polizia […]

L'articolo Furto in abitazione, arrestato un 36enne proviene da TrapaniSi.

]]>

Arresti domiciliari, come disposto dal Tribunaledi Marsala, per il 36enne tunisino Bassem Gomri, disoccupato con precedenti di polizia, ritenuto autore di un furto aggravato in appartamento avvenuto a Mazara del Vallo.

L’uomo era ricercato già da diverse settimane dai militari dell’Arma ma il suo stato di irreperibilità è finalmente terminato quando gli agenti della polizia di frontiera marittima lo hanno rintracciato al porto Palermo al momento del rientro in nave dalla Tunisia.

Le indagini erano iniziate a febbraio scorso, quando un cittadino mazarese aveva denunciate il un furto, dalla sua abitazione, di vari beni tra cui un televisore, un aspirapolvere e diversi monili in oro.

Dall’esame dei filmati di sistemi di videosorveglianza privata e attraverso le indagini, nel giro di brevissimo tempo, è stato possibile individuare i presunti autori del furto e ritrovare il televisore rubato che era già stato immesso nel mercato nero dai due ladri. Gomri e il suo complice, morto di recente per cause naturali, lo avevano rivenduto ad un prezzo vantaggioso ad un altro cittadino tunisino, denunciato a piede libero per ricettazione.

Al termine delle formalità di rito Gomri è stato sottoposto agli arresti domiciliari, con applicazione del braccialetto elettronico, nella sua abitazione.

L'articolo Furto in abitazione, arrestato un 36enne proviene da TrapaniSi.

]]>
Roma stanzia fondi per la Sanità: 35mln di euro per ospedali di Trapani e Alcamo https://www.trapanisi.it/roma-stanzia-fondi-per-la-sanita-35mln-di-euro-per-ospedali-di-trapani-e-alcamo/ Tue, 23 Jul 2019 12:48:43 +0000 https://www.trapanisi.it/?p=47842 Ammontano a 236 milioni di euro i fondi stanziati dal governo nazionale per realizzare lavori in 42 strutture sanitarie siciliane”. Lo ha reso noto il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Vincenzo Santangelo. “Si tratta – spiega l’esponente trapanese del M5S – di una somma ottenuta grazie al lavoro del Nucleo di valutazione degli investimenti del […]

L'articolo Roma stanzia fondi per la Sanità: 35mln di euro per ospedali di Trapani e Alcamo proviene da TrapaniSi.

]]>

Ammontano a 236 milioni di euro i fondi stanziati dal governo nazionale per realizzare lavori in 42 strutture sanitarie siciliane”. Lo ha reso noto il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Vincenzo Santangelo.
“Si tratta – spiega l’esponente trapanese del M5S – di una somma ottenuta grazie al lavoro del Nucleo di valutazione degli investimenti del Ministero della Salute. Fondi immediatamente disponibili, quanto mai necessari per le nostre strutture ospedaliere che, in alcuni casi, versano in condizioni fatiscenti e pericolose. Sono in arrivo ulteriori risorse che serviranno a realizzare interventi in almeno altre 17 strutture”.

Tra gli interventi principali sono previsti 40 milioni per la messa a norma dell’Ospedale Cervello di Palermo, 21 per il nuovo presidio sanitario polivalente di Alcamo, 14 milioni per l’ospedale Sant’Antonio Abate di Trapani, 13,5 milioni per l’ospedale Basilotta di Nicosia, 13 milioni per un nuovo poliambulatorio all’ospedale Cannizzaro di Catania, 13 milioni per l’ospedale pediatrico Di Cristina di Palermo, 12 milioni per il presidio ospedaliero Sant’Elia di Caltanissetta, 11,5 milioni per l’ospedale di Corleone, 10 milioni per il San Giovanni di Dio e Sant’Isidoro di Giarre.

L'articolo Roma stanzia fondi per la Sanità: 35mln di euro per ospedali di Trapani e Alcamo proviene da TrapaniSi.

]]>
Operazione “Sea Ghost”: le immagini diffuse dalla Guardia di Finanza [Video] https://www.trapanisi.it/operazione-sea-ghost-le-immagini-diffuse-dalla-guardia-di-finanza-video/ Tue, 23 Jul 2019 10:55:11 +0000 https://www.trapanisi.it/?p=47836 Operazione “Sea Ghost” le immagini diffuse dalla Guardia di Finanza, sull’arresto di otto persone componenti di una banda che trasportava migranti e sigarette di contrabbando dalla Tunisia alle coste del Trapanese.

L'articolo Operazione “Sea Ghost”: le immagini diffuse dalla Guardia di Finanza [Video] proviene da TrapaniSi.

]]>

Operazione “Sea Ghost” le immagini diffuse dalla Guardia di Finanza, sull’arresto di otto persone componenti di una banda che trasportava migranti e sigarette di contrabbando dalla Tunisia alle coste del Trapanese.

L'articolo Operazione “Sea Ghost”: le immagini diffuse dalla Guardia di Finanza [Video] proviene da TrapaniSi.

]]>
Luca Schiacchitano: “Molti candidati non erano a conoscenza del documento contro Lipari” https://www.trapanisi.it/luca-schiacchitano-molti-dei-candidati-non-erano-neanche-a-conoscenza-del-documento-contro-lipari/ Tue, 23 Jul 2019 10:45:53 +0000 https://www.trapanisi.it/?p=47833 Continuano le polemiche all’interno della lista “Tranchida il sindaco per Trapani” che poi si è evoluto nel gruppo consiliare “Giovani Muovi Menti”. In relazione all’articolo da noi pubblicato dove la lista si allontana definitivamente da Giuseppe Lipari, Luca Schiacchitano non ci sta e ci scrive: Gentile redazione, in seguito al comunicato della c.d. Lista Giovani, […]

L'articolo Luca Schiacchitano: “Molti candidati non erano a conoscenza del documento contro Lipari” proviene da TrapaniSi.

]]>

Continuano le polemiche all’interno della lista “Tranchida il sindaco per Trapani” che poi si è evoluto nel gruppo consiliare “Giovani Muovi Menti”.

In relazione all’articolo da noi pubblicato dove la lista si allontana definitivamente da Giuseppe Lipari, Luca Schiacchitano non ci sta e ci scrive:

Gentile redazione, in seguito al comunicato della c.d. Lista Giovani, di cui ho fatto parte in passato, in cui “i componenti prendono le distanze dal consigliere Lipari” tacciandolo di falsità, mi preme precisare che non si punta il dito contro qualcuno utilizzando gli stessi metodi che si contestano.

Mi spiego meglio, si afferma che 22 dei candidati che hanno corso in campagna elettorale assieme al sottoscritto abbiano firmato quel documento. Avendone contattati diversi posso affermare, screenshot alla mano, che molti dei candidati non erano neanche a conoscenza del documento e/o non lo avevano sottoscritto.

Insomma, la chiara volontà di uccidere mediaticamente chi dissente dalle discutibili linee politiche del sindaco di Trapani, utilizzando con tutti i mezzi possibili.
Anche quelli che poi si ritorcono contro come dei boomerang.
Come diceva Giacomo Tranchida in campagna elettorale?
Ah sì … il mascariamento.

Se questa è la “nuova” politica, vi prego … aridatece la vecchia!

L'articolo Luca Schiacchitano: “Molti candidati non erano a conoscenza del documento contro Lipari” proviene da TrapaniSi.

]]>
“Scatti di Passione”, al via la seconda edizione del concorso fotografico https://www.trapanisi.it/scatti-di-passione-al-via-la-seconda-edizione-del-concorso-fotografico/ Tue, 23 Jul 2019 10:28:53 +0000 https://www.trapanisi.it/?p=47827 L’“Addolorata Misteri Trapani” organizza la seconda edizione del concorso fotografico “Scatti di Passione”. Le foto pervenute saranno esposte dall’8 al 14 settembre, in occasione dell’evento “Mater Dolorosa… In Memoria 2019”, alla Mostra fotografica “Maria in diebus passionis”, che è giunta alla sua 7° edizione. Gli interessati potranno far pervenire, da oggi ed entro e non […]

L'articolo “Scatti di Passione”, al via la seconda edizione del concorso fotografico proviene da TrapaniSi.

]]>

L’“Addolorata Misteri Trapani” organizza la seconda edizione del concorso fotografico “Scatti di Passione”.

Le foto pervenute saranno esposte dall’8 al 14 settembre, in occasione dell’evento “Mater Dolorosa… In Memoria 2019”, alla Mostra fotografica “Maria in diebus passionis”, che è giunta alla sua 7° edizione. Gli interessati potranno far pervenire, da oggi ed entro e non oltre il 10 agosto 2019, massimo 3 file ad alta risoluzione all’indirizzo mail: addoloratamisteri@gmail.com.

Le immagini dovranno raffigurare momenti che riguardino (anche di anni passati) il Simulacro L’Addolorata dei Misteri di Trapani o di ciò che ad esso fa da cornice (donne pie, volti,
portatori, volontari etc). Il Concorso prevede l’inserimento di un massimo di 25/30 immagini.

La commissione sarà composta dai componenti de “La Strada della Passione”.

Per info:
Mail addoloratamisteri@gmail.com
Cellulare 3271148810
*Contattare telefonicamente per concordare la consegna delle immagini.

L'articolo “Scatti di Passione”, al via la seconda edizione del concorso fotografico proviene da TrapaniSi.

]]>
Parte la raccolta fondi per ricostruire il Rakija https://www.trapanisi.it/parte-la-raccolta-fondi-per-ricostruire-il-rakija/ Tue, 23 Jul 2019 10:12:35 +0000 https://www.trapanisi.it/?p=47824 Da una idea del giornalista Marco Rizzo, è stata lanciata sul portale gofundme.com una raccolta fondi per la ricostruzione del pub danneggiato da un incendio. “Per anni – scrive Marco Rizzo – il Rakija è stato uno dei locali più amati e frequentati di Trapani. Leonard, che è arrivato in Sicilia da bambino e qui […]

L'articolo Parte la raccolta fondi per ricostruire il Rakija proviene da TrapaniSi.

]]>

Da una idea del giornalista Marco Rizzo, è stata lanciata sul portale gofundme.com una raccolta fondi per la ricostruzione del pub danneggiato da un incendio.

“Per anni – scrive Marco Rizzo – il Rakija è stato uno dei locali più amati e frequentati di Trapani. Leonard, che è arrivato in Sicilia da bambino e qui ha trovato la sua famiglia e costruito la sua avventura imprenditoriale, ha trasformato quella che era una piazzetta buia e dimenticata in un angolo della città vivo, luminoso, pieno di musica e brindisi. Nella notte tra il 16 e il 17 luglio, proprio quando la stagione estiva stava entrando nel vivo e lo staff locale stava per affrontarla con un nuovo, splendido, spazio esterno, un incendio ha devastato il bar. Un corto circuito ha distrutto l’interno del locale e l’assicurazione, purtroppo, non coprirà tutte le spese”.

Incendio al Rakija, le foto del locale

“Noi che abbiamo passato tante serate su quei tavoli o sui gradini, noi che abbiamo aneddoti su momenti surreali e divertenti, noi che su quegli sgabelli abbiamo confessato amori, raccontato segreti, o semplicemente chiacchierato del più e del meno, vogliamo dare una mano a Leonard e al suo staff per rimettere in piedi il locale e ridare luce, musica e vita a Piazzetta San Domenico. Lo dobbiamo – conclude il giornalista – a chi ci ha permesso di passare tante serate gradevoli, a chi ci offerto “cicchetti” o deliziato con cocktail all’avanguardia. Lo dobbiamo a una delle pagine “sane” dell’imprenditoria cittadina. Ci date una mano?”.

Ecco il link per donare: https://www.gofundme.com/f/salviamo-il-rakjia-trapani

L'articolo Parte la raccolta fondi per ricostruire il Rakija proviene da TrapaniSi.

]]>
Annullata la programmazione dei charter da Trapani a Sharm el Sheikh https://www.trapanisi.it/annullata-la-programmazione-dei-charter-da-trapani-a-sharm-el-sheikh/ Tue, 23 Jul 2019 09:13:06 +0000 https://www.trapanisi.it/?p=47822 Era stato presentato, con un apposito incontro all’aeroporto “Vincenzo Florio” di Birgi, alla presenza del presidente di Airgest Paolo Angius e dei responsabili della società palermitana “Travel Business Insider” lo scorso mese di maggio ma si è rivelato un flop. Il charter che avrebbe dovuto collegare Trapani con la rinomata località turistica egiziana di Sharm […]

L'articolo Annullata la programmazione dei charter da Trapani a Sharm el Sheikh proviene da TrapaniSi.

]]>

Era stato presentato, con un apposito incontro all’aeroporto “Vincenzo Florio” di Birgi, alla presenza del presidente di Airgest Paolo Angius e dei responsabili della società palermitana “Travel Business Insider” lo scorso mese di maggio ma si è rivelato un flop.

Il charter che avrebbe dovuto collegare Trapani con la rinomata località turistica egiziana di Sharm el Sheikh non è decollato.

Nessuna prenotazione sui voli operati dalla compagnia aerea Egyptair a partire da ieri, 22 luglio, e sino a tutto il prossimo mese di settembre. Il volo inaugurale Trapani-Sharm el Sheikh è stato annullato così come tutto il resto della programmazione.

L’iniziativa era stata presentata dallo stesso Angius come “un altro passo per incrementare le presenze turistiche nella provincia di Trapani”. Ma così, purtroppo, non è stato.

L'articolo Annullata la programmazione dei charter da Trapani a Sharm el Sheikh proviene da TrapaniSi.

]]>
Traffico di migranti e di sigarette tra la Tunisia e il Trapanese, arrestate otto persone https://www.trapanisi.it/traffico-di-migranti-e-di-sigarette-tra-la-tunisia-e-il-trapanese-arrestate-otto-persone/ Tue, 23 Jul 2019 08:13:17 +0000 https://www.trapanisi.it/?p=47812 Sgominata dalla guardia di finanza di Marsala una banda dedita al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e al contrabbando di sigarette. Stamattina i finanzieri della Compagnia di Marsala hanno dato esecuzione ad un’ordinanza cautelare emessa dal gip del Tribunale di Palermo con cui è stata disposta l’applicazione di misure cautelari nei confronti di otto persone, quattro di […]

L'articolo Traffico di migranti e di sigarette tra la Tunisia e il Trapanese, arrestate otto persone proviene da TrapaniSi.

]]>

Sgominata dalla guardia di finanza di Marsala una banda dedita al favoreggiamento dell’immigrazione
clandestina e al contrabbando di sigarette.

Stamattina i finanzieri della Compagnia di Marsala hanno dato esecuzione ad
un’ordinanza cautelare emessa dal gip del Tribunale di Palermo con cui è stata disposta l’applicazione di misure cautelari nei confronti di otto persone, quattro di origine tunisina e quattro italiani.
L’operazione, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia presso la Procura della Repubblica di Palermo, si è sviluppata grazie ad una lunga attività di intercettazione telefonica e
ambientale oltre che ad interventi di polizia in mare delle unità navali della Sezione Operativa Navale della Guardia di Finanza di Mazara del Vallo e ha consentito di svelare l’esistenza del sodalizio criminale che organizzava “viaggi fantasma” tra la Tunisia e le coste meridionali del Trapanese con connesso traffico di sigarette di contrabbando destinate prevalentemente al mercato palermitano.

I promotori dell’organizzazione criminale sono stati individuati in due italiani e un tunisino, Angelo Licciardi e Giuseppe Vasile, entrambi residenti a Marsala, e Nizar Zayar, tutti colpiti da ordinanza di custodia cautelare in carcere.

Licciardi, in particolare, è risultato avere – secondo gli investigatori – un ruolo di primo piano nell’organizzazione dal momento che si occupava della gestione contabile curando la ripartizione dei profitti tra gli appartenenti al gruppo e provvedendo inoltre, con l’aiuto di Vasile, all’acquisto e alla custodia delle imbarcazioni usate per trasportare i migranti e le sigarette di contrabbando.

Altri tre tunisini, destinatari anch’essi dalla misura della custodia cautelare in carcere, curavano direttamente in Tunisia il procacciamento dei migranti (chiamati in modo criptico “agnelli”) e delle sigarette da trasportare, svolgendo anche le mansioni di scafisti nei viaggi dalle coste tunisine a quelle siciliane.

Una volta giunti in Sicilia, i migranti venivano fraudolentemente regolarizzati con la complicità di Giuseppa Randazzo, residente a Marsala e titolare di un omonima ditta individuale e rappresentante legale di una società cooperativa agricola, finita agli arresti domiciliari.

La donna provvedeva sistematicamente a stipulare contratti di lavoro dipendente fittizi con un duplice fine: consentire, da un lato, ai clandestini di ottenere e rinnovare il permesso di soggiorno per motivi di lavoro e, dall’altro lato, di percepire indebite indennità di disoccupazione agricola dall’INPS. Randazzo aveva anche messo a disposizione di Zayar la propria abitazione per consentire lo smistamento dei migranti appena sbarcati.

Gli arresti domiciliari sono stati applicati anche ad un altro componente italiano dell’associazione criminosa, Sergio Carpentieri, residente a Trapani, che ha fornito uno dei gommoni usati per gli sbarchi e ha aiutato gli altri componenti della banda nella gestione delle fasi immediatamente
successive all’arrivo dei migranti.

L’organizzazione si avvaleva di gommoni, in genere di circa 7,5 metri, reperiti in Italia ed equipaggiati con motori potenti (da 225 a 300 CV), con cui effettuare le traversate Sicilia-Tunisia e ritorno, il tutto nell’arco di una nottata. L’incasso del prezzo di viaggio avveniva invece in Tunisia, dove venivano imbarcate anche le sigarette di contrabbando. Normalmente con ogni viaggio venivano trasportati
circa 250-300 chilogrammi di sigarette e 10-12 persone.

Nonostante il pesante carico gli scafisti riuscivano a mantenere, in condizioni di mare calmo, una velocità di crociera di 25/30 nodi, talvolta tenendo sotto la minaccia di armi (coltelli e pistole) i viaggiatori.
L’utilizzo del gommone consentiva agli scafisti di essere particolarmente dinamici in acqua, garantendo facilità e celerità di manovra e la possibilità di navigare quasi con ogni tipo di fondale, ormeggiando dove era ritenuto più utile e sicuro.

Secondo quanto appurato dagli investigatori, ogni clandestino trasportato pagava da 3.000 a 8.000 dinari tunisini (pari a circa 1.500-4.000 euro).
A ciò si aggiungeva il ricavate dalle sigarette importate di contrabbando, ogni stecca delle quali garantisce un guadagno di quasi 20 euro essendo comprata ad 6-7 euro in Tunisia e rivenduta in Italia ad 25-28 euro. Ogni viaggio consentiva di portare mediamente
1.250/1.500 stecche consentendo così un ulteriore guadagno per l’organizzazione
di almeno 25.000 euro a viaggio.

Nel corso delle investigazioni, avviate nel 2016, i finanzieri hanno intercettato in mare cinque “viaggi fantasma”, arrestando in flagranza di reato, per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, sei scafisti e sottoponendo a
sequestro – tra l’altro – 990 chili di sigarette di contrabbando e tre gommoni utilizzati per le traversate.

L'articolo Traffico di migranti e di sigarette tra la Tunisia e il Trapanese, arrestate otto persone proviene da TrapaniSi.

]]>
Isola sacra del Mediterraneo… Clicca per vedere la foto https://www.trapanisi.it/isola-sacra-del-mediterraneo-clicca-per-vedere-la-foto/ Tue, 23 Jul 2019 08:02:52 +0000 https://www.trapanisi.it/?p=47809 L'articolo Isola sacra del Mediterraneo… Clicca per vedere la foto proviene da TrapaniSi.

]]>

L'articolo Isola sacra del Mediterraneo… Clicca per vedere la foto proviene da TrapaniSi.

]]>
Massimo Toscano Pecorella, prossimo assessore a Trapani https://www.trapanisi.it/massimo-toscano-pecorella-prossimo-assessore-a-trapani/ Tue, 23 Jul 2019 06:41:48 +0000 https://www.trapanisi.it/?p=47782 Massimo Toscano sarà assessore del Comune di Trapani. Ora manca solo la nomina ufficiale ma i giochi sembrano fatti. La lista Per Trapani ha deciso: l’assessore sarà Toscano in quota nella giunta. Toscano dovrebbe dimettersi da consigliere comunale e dovrebbe entrare la prima dei non eletti: Azzurra Tranchida, figlia dell’architetto Giovanni Tranchida (nessun grado di […]

L'articolo Massimo Toscano Pecorella, prossimo assessore a Trapani proviene da TrapaniSi.

]]>

Massimo Toscano sarà assessore del Comune di Trapani. Ora manca solo la nomina ufficiale ma i giochi sembrano fatti. La lista Per Trapani ha deciso: l’assessore sarà Toscano in quota nella giunta. Toscano dovrebbe dimettersi da consigliere comunale e dovrebbe entrare la prima dei non eletti: Azzurra Tranchida, figlia dell’architetto Giovanni Tranchida (nessun grado di parentela con l’attuale sindaco).

Questa decisione porta ad un’altra conseguenza: Andrea Vassallo dovrebbe dimettersi da vicepresidente del Consiglio comunale, così come deciso per il Patto di governo che regolamenta gli accordi tra le liste e il primo cittadino.

Massimo Toscano, avvocato di Trapani, è il fratello della sindaca di Erice Daniela. È ipotizzabile che si occupi di frazioni continuando il lavoro svolto intrapreso da consigliere.

La giunta sale così a 8 assessori dopo la nomina della scorsa settimana di Fabio Bongiovanni (Trapani Tua).

Gli altri assessori sono Rosalia d’Alì, Ninni Romano e Andreana Patti (tecnici), Giuseppe La Porta (Amo Trapani), Enzo Abbruscato (Trapani con coerenza), Dario Safina (Cambiamenti).
Ora manca solo l’assessore in quota Demos che dovrebbe essere Giuseppe Pellegrino anche se lo scontro interno, abbastanza silenzioso in realtà, si sta consumando tra le due fazioni contrapposte: quella politica di chiara matrice Pd e quella civica capitanata da Domenico Ferrante. Non filtra, però, malumore.

Rimane aperta la posizione dell’ultima “poltrona” quella da vice presidente del consiglio che dovrebbe andare ad uno tra Rocco Greco e Annalisa Bianco o se la lista “Trapani con coerenza” dovesse “adottare” un assessore tecnico, come per esempio Ninni Romano, l’indiziata numero uno potrebbe essere Marzia Patti di Giovani Muovi Menti.
È ipotizzabile che la prossima settimana la giunta sarà completata.

L'articolo Massimo Toscano Pecorella, prossimo assessore a Trapani proviene da TrapaniSi.

]]>