Elezioni Calatafimi, Francesco Gruppuso avanti

Niente da fare per Caterina Verghetti: le prime stime danno un distacco del 20%

Calatafimi Segesta si appresta ad avere un nuovo sindaco. Dopo le elezioni anticipate a causa delle dimissioni rassegnate nel dicembre 2020 dal primo cittadino Nino Accardo, coinvolto nell’operazione di mafia “Ruina” e indagato dalla Dda di Palermo per corruzione elettorale aggravata, i cittadini di Calatafimi Segesta hanno scelto per il cambio di rotta dando fiducia a Francesco Grappuso.

Secondo i primi dati scrutinati, infatti, il candidato sostenuto dalla lista civica “Rinascita Per Calatafimi Segesta – Sindaco Gruppuso”, dovrebbe vincere agevolmente. Si parla infatti di una proiezione del 60%.

Niente da fare, invece, per Caterina Verghetti con la “Lista Civica Uniti Per Migliorare – Verghetti Sindaco”.

Crolla l’affluenza: dei 6.963 elettori, solo 3.474 sono andati a votare: il 49,89%. Nelle scorse amministrative erano andati a votare il 58,10% degli aventi diritto, con una diminuzione del -8,20%.