Dipendenti Asp Trapani, la Cisl: “Non basta definirli eroi. Si riconosca quanto dovuto e si convochino i sindacati”

“Non basta essere definirli eroi, ai dipendenti dell’Asp di Trapani va dato il giusto riconoscimento per il lavoro svolto”. A dirlo sono Francesco Blunda, segretario aziendale della Cisl Fp Palermo Trapani all’Asp di Trapani, e Antonino Passavanti, coordinatore Cisl Medici di Trapani, che chiedono al commissario dell’Azienda sanitaria, Paolo Zappalà, di convocare con urgenza le sigle sindacali.

“A questi dipendenti va riconosciuto quanto loro dovuto – aggiungono i due sindacalisti – a partire dalla produttività del 2019 fino al bonus Covid, le cui somme sono state già liquidate dall’Assessorato regionale della Salute all’Asp, per poter essere immediatamente disponibili e quindi erogabili a tutti i lavoratori”.

Secondo la Cisl Fp e la Cisl Medici, “va avviata la contrattazione decentrata integrativa aziendale, per poter almeno iniziare a discutere di un contratto nazionale già da tempo scaduto”.
“Adesso attendiamo che il commissario straordinario dell’Asp di Trapani dia indicazioni utili e risolutive per convocare al più presto il tavolo richiesto – concludono Blunda e Passavanti – . Qualora, ancora una volta, le nostre legittime rivendicazioni rimanessero inascoltate, saremo costretti ad attivare tutti gli strumenti sindacali a nostra disposizione a tutela di tutti i lavoratori”.