Dimissioni di Safina da vice presidente del Consiglio: la reazione dei 5 Stelle

Arrivano le prime reazioni dopo le dimissioni di Safina da vice presidente del Consiglio comunale.

Le esponenti del Movimento 5 Stelle, le consigliere Francesca Trapani e Chiara Cavallino sottolineano come “La notizia delle dimissioni dell’avvocato Dario Safina dalla carica di vice presidente del Consiglio comunale, a causa delle divisioni e dei contrasti interni alla maggioranza, non ci sorprende. Del resto, questo succede puntualmente quando accozzaglie di liste si presentano insieme alle elezioni solo per aggiudicarsi un posto in Consiglio, senza che poi la maggioranza che ne viene fuori riesca a trovare una sintesi su obiettivi comuni”.

Le esponenti del Movimento affermano che “Spiace dire “noi l’avevamo detto!”, e spiace soprattutto perché in un momento di grande difficoltà economica e sociale, in cui l’amministrazione dovrebbe adoperarsi per risolvere i problemi dei trapanesi, creando condizioni per rilanciare una città al collasso, siamo costretti ad assistere ad infelici siparietti tra le varie anime di una maggioranza marmellata che il Sindaco Tranchida sembra non riuscire più a gestire.

Le pentastellate, successivamente si concentrano proprio sul ruolo del sindaco.

“È giunto il momento che lo stesso inizi ad assumere posizioni chiare e definitive anche rispetto alle sue compagini politiche di incerta appartenenza, non perché ci appassioni l’esito delle beghe interne a questa maggioranza, ma perché a traballare non è solo la sua credibilità come sindaco, ma la prospettiva concreta di interventi importanti per Trapani. Siamo seriamente preoccupate per le sorti di una città governata da un Sindaco che, dopo appena 10 mesi, è costretto ad affrontare fibrillazioni politiche forti come le dimissioni del proprio vicepresidente, in attesa di quella che appare una bomba ad orologeria, costretta presto o tardi ad esplodere. Trapani non se lo può permettere, noi non ci stiamo”.