Comune di Petrosino, dichiarato il dissesto finanziario

Il sindaco Anastasi: «Non è stata una scelta discrezionale, ma la conseguenza di una condizione strutturale che ha messo il nostro comune nell’impossibilità di assolvere i suoi impegni e adempimenti indispensabili»

Il Consiglio comunale, nella seduta oggi, martedì 11 aprile, ha dichiarato il dissesto finanziario del Comune di Petrosino. Le motivazioni, evidenziate nella proposta di deliberazione dell’ufficio finanziario e nella relazione del Collegio dei revisori dei conti, sono riconducibili ad una situazione strutturale e sistemica di squilibrio contabile e finanziario che parte da lontano, trovando criticità che risalgono addirittura agli anni 2014, 2015 e 2016, come testimoniato da deliberazioni della Corte dei Conti.

In particolare, nelle conclusioni della relazione del Collegio dei revisori dei conti, sono esplicitate le principali cause che hanno determinato “l’ineludibile ricorso alle disposizioni normative di cui all’art. 244 e seguenti del D.Lgs. 267/2000 testo unico degli enti locali”, ovvero il dissesto finanziario di un comune in disavanzo di amministrazione per quasi 19 milioni di euro:
– perdurante e crescente fenomeno del disallineamento entrate-uscite nella gestione dei rifiuti solidi urbani e del servizio idrico integrato;
– notevole ritardo nella predisposizione e approvazione dei documenti contabili dell’ente relativi dall’anno 2019 e successivi;
– perdurante insufficienza delle entrate correnti per coprire le spese obbligatorie;
– notevolissime difficoltà nella riscossione ordinaria dei tributi ed imposte e nell’attuazione di misure di contrasto all’evasione fiscale;
– incidenza delle spese per mutui ed anticipazioni di liquidità;
– elevatissima difficoltà nel garantire la piena copertura della consistente massa passiva (in corso di quantificazione);
– scarsa attendibilità dei residui (riaccertamento ordinario poco attendibile)
– un rilevante contenzioso;
– ricorso stabile all’anticipazione di tesoreria, di difficile restituzione;
– disordine contabile e mancata azione di riordino;
– scarsa organizzazione degli uffici e formazione del personale spesso addetto a profili diversi dall’iter scolastico e professionale.

«È arrivato il momento della verità e delle scelte di responsabilità. Anche quando la realtà è difficile la vera politica ha il dovere di guardarla in faccia e di trovare soluzioni e risposte. Questo Consiglio comunale ha dimostrato maturità e serietà. Inizia per Petrosino una nuova fase oltre la propaganda – ha dichiarato il sindaco Giacomo Anastasi – Il ricorso all’art. 244 del TUEL e la deliberazione di dissesto non è stata una scelta discrezionale, ma la conseguenza di una condizione strutturale che ha messo il nostro comune nell’impossibilità di assolvere i suoi impegni e adempimenti indispensabili. Il dissesto è l’unica possibilità per far ripartire il comune liberandolo da un fardello insopportabile che ne impediva e sempre di più, ne avrebbe impedito il normale funzionamento. La politica che piace a me si prende sulle spalle le responsabilità. Non scappa, non scarica sulle prossime generazioni gli errori e i problemi. Ma li affronta, nel rispetto delle norme e con l’unico primario obiettivo di fare sempre l’interesse del bene comune».

Il primo cittadino, numeri alla mano, ha poi voluto fare qualche esempio per sottolineare come il dissesto finanziario sia la sola scelta possibile per la ripartenza.

«Io voglio parlare solo con i dati, con i numeri, con i fatti. Il Comune di Petrosino, al 31 dicembre del 2021, ha un disavanzo che sfiora i 19 milioni di euro – ha spiegato il sindaco Anastasi – Solo per fare qualche esempio, dentro questo macro numero ci sono 2,5 milioni di debiti fuori bilancio mai precedentemente riconosciuti, un uso patologico dell’anticipazione straordinaria di tesoreria (l’ho trovata a 3 milioni e 600 mila euro e in nove mesi è diminuita già di un milione), indici di pagamento a terzi con ritardi da record nazionale, 4 milioni di debiti già spalmati fino al 2051, una cronica mancanza di cassa con un conto corrente di tesoreria che aveva il primo luglio 2022 (tre giorni dopo aver giurato ed essermi insediato) meno 3 milioni e 200 mila euro. Nonostante numeri così impietosi qualcuno, per fortuna pochi, ha provato ad alimentare polemiche cercando non solo di distorcere, ma addirittura di negare e ribaltare una realtà che purtroppo è oggettiva. Queste criticità sono state ignorate nel tempo dai precedenti amministratori portando irresponsabilmente il nostro comune alle conseguenze estreme che stiamo vedendo adesso. Ma se non può che essere ovvio il mio giudizio politico sulla precedente gestione, aggiungo anche che in questo momento non mi interessa minimamente la questione delle responsabilità. Saranno gli organi competenti a fare le loro valutazioni e ad esprimere i loro giudizi. Sono invece impegnato a spiegare ai cittadini quali sono le cause che hanno portato al dissesto e cosa questo significa e comporta per la cittadinanza. Adesso – ha concluso il sindaco Anastasi – inizia una nuova fase per Petrosino, un nuovo percorso. Da un lato ci si libererà al 31 dicembre 2021, con l’insediamento dei commissari, di tutta la zavorra della massa passiva, dall’altro, la mia amministrazione si farà carico di gestire il presente e il futuro con senso di responsabilità e con la cura e l’attenzione di chi amministra una piccola attività, un’impresa o le finanze familiari. Da qui Petrosino riparte per rinascere come territorio e come comunità in modo responsabile e sostenibile».

Trapani Baskin Open Day, festa dello sport inclusivo [AUDIO]

Ne abbiamo parlato con Filippo Frisenda,  delegato regionale EISI
Disposta una seria di servizi straordinari delle Forze dell'ordine e altri Enti
Direttiva a Comuni e gestori del sevizio idrico per assicurare erogazione idrica prioritaria
Sarà l'occasione per scoprire il paesaggio incontaminato, dove la natura ha ripreso il sopravvento, dopo il devastante incendio di un anno fa
Un'opportunità per affrontare i temi cruciali della tutela dell'ambiente e dello sviluppo sostenibile
Sarebbero state rimpinguate con sabbia proveniente da altri luoghi
Duo di producers multiplatino con più di tre milioni di ascoltatori mensili su Spotify

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Prevista l'istituzione di un fondo specifico destinato al finanziamento dei riti della Settimana Santa iscritti al REIS
"Nel programma approvato a maggio abbiamo puntato sulla qualità degli eventi che si articolano da giugno a settembre"
"Il Comune di Trapani si faccia trovare pronto con un progetto unitario per accedere alle risorse della rigenerazione urbana"