Cibo artificiale: opportunità o minaccia”, incontro ad Erice

Organizzato dalla sezione trapanese dell'AMMI

“Cibo artificiale: opportunità o minaccia”, questoil tema dell’incontro, organizzato dalla sezione trapanese dell’Associazione Mogli Medici Italiani, che si terrà martedì prossimo, 24 ottobre, a partire dalle 16.30 nella sala conferenze di palazzo Sales a Erice.

“L’argomento del cibo artificiale – spiega la dottoressa Maria D’Amico, presidente di AMMI Trapani – è una tematica multidisciplinare che può essere sviscerata nelle sue componenti scientifiche, etiche ed ambientali.

Dal punto di vista scientifico, il cibo artificiale fa riferimento a cibi che sono stati prodotti utilizzando tecnologie o processi artificiali, come l’ingegneria genetica, la coltura delle cellule, la produzione di proteine sintetiche, etc. Questi metodi consentono di manipolare il cibo in modi che non sarebbero possibili con i processi tradizionali di produzione alimentare e può presentare innumerevoli vantaggi come una maggiore resa, una migliore qualità nutrizionale e una migliore resistenza alle malattie delle piante e degli animali. Inoltre, può rappresentare una soluzione per affrontare le sfide alimentari che l’umanità si trova ad affrontare, come la crescita della popolazione mondiale e l’esaurimento delle risorse naturali.

Dal punto di vista etico, alcune persone potrebbero essere preoccupate per gli effetti a lungo termine del consumo di cibo artificiale sulla salute umana, nonché sul benessere degli animali e sull’ambiente. Alcuni ritengono che la manipolazione genetica dei cibi e degli animali possa essere una forma di intrusione o ingiustizia nei confronti della natura. Tuttavia, altri sostengono che la manipolazione genetica sia solo una forma di selezione naturale accelerata e che il progresso scientifico dovrebbe essere sfruttato per il benessere dell’umanità.

Dal punto di vista ambientale, il cibo artificiale potrebbe ridurre la dipendenza da terre agricole e acqua, riducendo così l’impatto ambientale legato all’agricoltura tradizionale. Inoltre, potrebbe ridurre l’utilizzo di pesticidi e di fertilizzanti chimici, che possono avere effetti negativi sull’ambiente.

In ogni caso, – conclude la dottoressa D’Amico -il cibo artificiale presenta opportunità e sfide. È importante valutare attentamente gli effetti a lungo termine di questa tecnologia e considerare sia i potenziali benefici che le possibili minacce che potrebbe presentare per la salute e l’ambiente, al fine di prendere decisioni informate in merito alla sua produzione e consumo”.

L’incontro è patrocinato dal Comune di Erice e dall’Ordine dei Medici di Trapani.

Il brindisi con gli Shark a Palazzo D'Alì 240611

Mentre Shark brinda l’assessore risponde alla Lega Nazionale Pallacanestro [VIDEO]

Adesso si cambia regime, si passa al professionismo un'era nuova che davvero non vediamo l'ora di vivere"
È indiziato di appartenere a Cosa nostra e in affari anche con la famiglia mafiosa di Castelvetrano
Il martedì dalle 10 alle 12 e il giovedì dalle 15 alle 17
Sul posto Vigili del fuoco, Protezione civile comunale e Forestale
L'Assessorato dei Beni culturali della Regione Siciliana cofinanzia la produzione
"Decisioni su progetti di grande impatto ambientale devono essere prese con il coinvolgimento delle comunità locali"
Questa domenica va in scena la compagnia "Piccolo Teatro" di Alcamo con "Tintu... cu è ca ci ncagghia"
Grazie ai volontari, fino a settembre, dalle 18.30 alle 23.30
Incrementerà la portata d’acqua a disposizione della città di 15 litri al secondo
Le selezioni si svolgeranno martedì 18 giugno, dalle 15 alle 18.30

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Fu ucciso a Palermo in un agguato mafioso con il capitano D'Aleo e l’appuntato Bommarito
La storia del fisico italiano, inventore e padre delle comunicazioni, tra prosa teatrale, canti, musica e coreografie
Iniziativa di Renantis Sicilia in collaborazione con il Dipartimento di Ingegneria
Appello intervenga presso il governo nazionale e la cabina di regia del Ministero della Coesione