Calcio, Trapani su Giorgio Heller: “Incontri inutili, il tempo delle parole è scaduto”

TRAPANI. La società granata ha inviato un comunicato stampa in risposta alle dichiarazioni che il finanziere romano Giorgio Heller ha rilasciato a vari quotidiani.

Ecco la missiva ricevuta.

In risposta alle dichiarazioni rese dal Sig. Giorgio Heller apparse ieri sulla stampa, sentiamo il dovere di precisare quanto segue.

Il Sig. Heller ha avuto tempo e modo per poter svolgere una due diligence approfondita sui conti, sull’amministrazione, sulla gestione e sull’organizzazione del Trapani Calcio, per fare un proprio budget e le proprie valutazioni.

Atteso l’interesse manifestato mesi addietro, egli ha infatti avuto accesso a tutta la documentazione e informazioni richieste ed ha peraltro ricevuto la più ampia collaborazione in assoluta trasparenza e buona fede da parte dell’amministrazione della società.

Ricevere (dopo tanto tempo) ancora richieste di ulteriore documentazione (attinente peraltro a informazioni già ben note o, addirittura, a valutazioni gestionali future che sarebbe onere della parte interessata svolgere) lascia perplessi ma è coerente con il fatto che ad oggi nessuna proposta ritenuta valida è stata comunque ricevuta.

Incomprensibili quindi le richieste di ulteriori incontri, ovviamente mai vietati, ma semplicemente ormai considerati inutili: il tempo delle parole è scaduto.

È chiaro che la trattativa sembra ormai avviarsi verso il viale del tramonto, con due fuochi che esprimono motivazioni diametralmente opposte.

È partito il balletto delle parti: non esiste chi ha ragione o chi ha torto, esiste invece una situazione paradossale, con un possibile acquirente che ha organizzato anche una conferenza stampa per forzare la mano e una proprietà ormai troppo lontana, che ha i suoi problemi e che risiede in Spagna.

Non è mio compito dire se sia meglio Morace o Heller. Probabilmente sarebbe opportuno per tutti concentrarsi sul campo di gioco e continuare a vivere una storia sportiva che, sicuramente, può darci soddisfazioni.

Foto di Francesco Vivona.