Bando per Polizia Locale del Comune di Trapani, Patti e Bianco: “Avevamo ragione sulla patente A”

Le due consigliere intervengono dopo che il Comune ha cambiato il concorso per i sei posti di Polizia Locale

Avevano ragione loro: il Comune ha cambiato il concorso per i sei posti di Polizia Locale dopo che avevano chiesto la modifica. Marzia Patti e Annalisa Bianco hanno incassato una importante vittoria su questa questione. Anche chi non possiede la patente A potrà partecipare al banco.

“Da giuriste – affermano le due – , abbiamo approfondito la tematica e sollevato subito, a mezzo nota scritta, una serie di dubbi circa i requisiti di accesso al bando. In particolare, abbiamo spiegato che il requisito della Patente A come titolo d’accesso avrebbe leso il diritto alla parità di trattamento di molti aspiranti e reso impossibile agli under 20-24 la mera presentazione della domanda”.

“Il nostro obiettivo – dicono Annalisa Bianco e Marzia Patti – era quello di permettere a quanti più giovani, quei giovani per cui vogliamo lavorare e cambiare Trapani, di partecipare, guardando soprattutto al mondo femminile e alle pari opportunità, posto che in provincia di Trapani la percentuale di donne in possesso della Patente A è molto bassa. L’amministrazione e il dirigente hanno ascoltato le nostre posizioni e insieme abbiamo portato avanti uno studio tecnico-giuridico e politico che ha condotto alla rettifica del bando. Scopo è quello di garantire ai nostri giovani l’opportunità di poter partecipare al concorso e, perché no, vincerlo”.