ANPI, le manifestazioni in programma nel Trapanese per la “Liberazione”

Tutte le manifestazioni in programma per il 25 aprile si svolgeranno nel pieno rispetto della normativa anti covid vigente.

Sono diverse le celebrazioni in programma nel Trapanese per domenica prossima 25 aprile, in occasione del 76esimo anniversario della Liberazione; a Trapani, alle 10, nel giardinetto attiguo alla Piazza Martiri d’Ungheria, l’ANPI disvelerà la stele che ha voluto realizzare a perenne ricordo della lotta di Liberazione e dei Martiri della Resistenza.

“A questo progetto – si legge nel comunicato dell’ANPI – siamo stati spinti dalla avvertita necessità che anche nella nostra città, così come è avvenuto nella maggior parte dei comuni italiani, fosse presente un “Cippo” ad imperitura memoria del grande movimento liberatorio che è stata la Resistenza italiana, alla quale hanno partecipato anche decine di partigiani trapanesi, restituendo al nostro Paese la libertà e la Costituzione”.

A causa della situazione pandemica si svolgerà una manifestazione sobria. In rappresentanza dell’ANPI ci sarà una delegazione composta da un numero minimo di dirigenti, ai quali si affiancheranno i rappresentanti istituzionali: Comune, Prefettura, autorità militari.

Alle 11,30 la delegazione dell’ANPI si recherà a Erice, in via Pietro Ermelindo Lungaro, martire delle Fosse Ardeatine, dove c’è una targa marmorea che l’ANPI ha posto sotto l’insegna viaria e che ha rappresentato, dal primo momento della sua rinascita, il luogo scelto dall’ANPI per celebrare il 25 aprile.

Manifestazioni pubbliche per ricordare la data del 25 aprile, come ormai è stato consolidato negli anni si svolgeranno in molti centri della provincia, sempre con la presenza dell’ANPI.

Nella cittadina di Valderice sarà deposta una corona d’alloro in ricordo dei partigiani valdericini. Una cerimonia commemorativa è in programma anche a Paceco, alle 9.45, in piazza Vittorio Emanuele, con la presenza del primo cittadino e delle autorità civili, militari e religiose. Inoltre, parteciperanno i ragazzi dell’Interact che leggeranno una poesia di Gianni Rodari. Una targa in ricordo di tre partigiani lilibetani sarà scoperta a Marsala, in largo San Gerolamo.

La mattina del 25 aprile a Salemi, al Palazzo comunale, si svolgerà la commemorazione della lapide dei partigiani e delle vittime della Seconda Guerra Mondiale; il pomeriggio, alle 16, sarà deposto un fiore sotto la targa della via intitolata al partigiano Felice Monti. A Castelvetrano ci sarà l’inaugurazione della targa dell’ANPI all’esterno del Palazzo comunale in ricordo dei partigiani castelvetranesi.

Le celebrazioni continuano anche nelle isole, a Favignana, in programma giovedì 22 aprile un incontro tra il sindaco Francesco Forgione e gli alunni della scuola media, che riceveranno in regalo il libro di Gard Lerner. Domenica 25, alle 10, il vice sindaco e una delegazione della sezione dell’ANPI deporranno una corona d’alloro.

A Mazara del Vallo durante la celebrazione saranno letti i nomi dei partigiani mazaresi e nel pomeriggio, alle 16, una rappresentante dell’ANPI porterà un fiore nelle tre vie dedicate ai partigiani, come Vincenzo Petralia, storico vice comandante di Barbato, il liberatore di Torino. Ad Alcamo, alle 16, sarà deposto un fiore nella targa dedicata ai partigiani.

Le celebrazioni per il giorno della Liberazione inizieranno al mattino alle 10, a Campobello di Mazara, dove l’amministrazione comunale insieme ad una rappresentante dell’ANPI deporrà una corona d’alloro al monumento ai caduti. A Calatafimi, alle 16, sarà portato un fiore alla targa viaria che ricorda il partigiano Gaetano De Blasi. Invece a Castellammare del Golfo è in programma al mattino, alle 10, la deposizione di una corona d’alloro al monumento ai caduti, a cura dell’amministrazione comunale e con la presenza di una rappresentante dell’ANPI.