Alcamo: sabato 1 aprile verrà inaugurata la mostra “I Colori della Memoria” di Enzo Di Franco

La mostra racchiude il percorso artistico del Maestro, iniziato nel 1973, e presenta alla città un ciclo pittorico che dura da 50 anni

Sabato 1 aprile alle ore 18:00 si inaugura al Centro Congressi Marconi la personale del Maestro Enzo Di Franco, alla presenza del sindaco Domenico Surdi, dell’assessore alla cultura Donatella Bonanno e dell’editore Ernesto Di Lorenzo.

La mostra racchiude il percorso artistico del Maestro, iniziato nel 1973, e presenta alla città un ciclo pittorico che dura da 50 anni, mantenendo quell’immediata schiettezza capace di fissare nella tela personaggi e paesaggi dai colori nitidi, fatti di cromatismi luminosi.

Dichiara l’assessore alla cultura Donatella Bonanno “siamo orgogliosi di presentare la personale del Maestro Di Franco che ripercorre cinquant’anni della sua carriera con tutte le fasi creative dell’artista e che resterà al Marconi per due settimane, per essere apprezzata e visitata da un pubblico che ci auguriamo il più numeroso possibile”.

Afferma il sindaco Domenico Surdi: “le bellissime tele del Maestro Di Franco hanno girato l’Italia e l’Europa portando alto il nome della nostra città. Un artista che ha tradotto i suoi studi in geologia, quindi la sua formazione scientifica, in un metodo di osservazione della realtà rappresentando, in un gioco vivace di luci e colori, le tradizioni culturali del popolo siciliano e non solo. È un piacere poter ospitare il Mastro Di Franco che ha fatto della passione per la pittura un motivo di vita ed un’occasione per creare relazioni con le tantissime persone che ha incontrato”.

Volendo ripercorrere le tappe sia italia e che estere della carriera del pittore, gli anni Settanta sono quelli della pittura come luce ed emozione che raffigura la campagna alcamese; gli anni Ottanta sono la stagione artistica dei luoghi della memoria: le vie, i campanili, i tetti della nostra città e non solo. E poi arriva la rappresentazione della mattanza, la tradizione marina mediterranea in tutte le sue fasi, una vera esplorazione umana ed estetica della Sicilia alla ricerca di volti e risvolti dell’isola.

Ma l’artista è affascinato anche dalle fiere e dai mercati popolari, dalla curiosità della gente, dalla gestualità dei venditori, un teatro spontaneo del quotidiano non solo siciliano ma anche del Nord Italia. Ed infine, continuando il suo giro per l’Italia, viene affascinato da Ferrara, da Ischia, dagli sbandieratori di Gubbio, dai palloni aerostatici di San Zeno per poi tornare ai due filoni tematici della sua pittura, da un lato il mondo rurale, dall’altro il mondo marinaro.

La mostra sarà aperta dal martedì alla domenica dalle ore 9:30 alle 12:30 e dalle 16:30 alle 19:30. Domenica 9 aprile sarà chiusa.

Il brindisi con gli Shark a Palazzo D'Alì 240611

Mentre Shark brinda l’assessore risponde alla Lega Nazionale Pallacanestro [VIDEO]

Adesso si cambia regime, si passa al professionismo un'era nuova che davvero non vediamo l'ora di vivere"
La mostra, articolata in due musei, il Cordici e il Wigner San Francesco, presenterà opere di Andy Warhol e Mario Schifano
Sindaci e Rete Territoriale per l'inclusione sociale hanno approvato le programmazioni delle quote assegnate dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Iniziativa con gli studenti del “Professionale produzioni tessili e sartoriali” dell’Istituto “Calvino - Amico”
Sotto le mentite spoglie del geometra di Campobello di Mazara il capomafia di Castelvetrano si curava dal cancro
Stamattina hanno firmato il contratto alla presenza del commissario straordinario Croce
Biglietti a 10 euro acquistabili fino a sabato nei punti vendita cittadini del circuito GO2
Manifestazione con gli studenti al boschetto di via Salemi
Adesso si cambia regime, si passa al professionismo un'era nuova che davvero non vediamo l'ora di vivere"