Aeroporto, Airgest lavora per nuove rotte e incontra i sindaci del Trapanese [VIDEO]

Le grandi compagnie prediligono i grandi aeroporti che sono in grado di sborsare grandi cifre, noi siamo un piccolo aeroporto e lavoriamo con piccole compagnie che ci danno garanzie di serietà e affidabilità e portiamo a casa risultati.

Lo ha detto il presidente di Airgest Salvatore Ombra all’avvio della riunione con i sindaci della provincia di Trapani convocata stamane al “Vincenzo Florio” per fare il punto sullo stato dell’aeroporto.

Tra le questioni all’ordine del giorno il pagamento del debito residuo del vecchio co-marketing con Ryanair, un nodo che bisognerà sciogliere al più presto per evitare che la compagnia irlandese assuma iniziative, come quella di qualche settimana fa con lo stop alla vendita dei voli, che possano pregiudicare il percorso di rilancio dello scalo.

Come ha sottolineato l’assessore comunale di Trapani Dario Safina, è stato necessario individuare gli strumenti tecnici, alla luce della normativa vigente, attraverso cui poter impegnare ed erogare le somme per coprire tutti insieme il debito di 170mila euro al posto dei Comuni inadempienti.

“Non si tratta di volontà politica, quella c’è – ha detto – ma è stato necessario individuare il percorso corretto per giustificare l’esborso di questo denaro pubblico, anche alla luce delle obiezioni avanzate dai nostri settori contabili”.

Il sindaco di Partanna, Nicola Catania, ha sottolineato come, con l’adozione di uno schema comune di delibera avvenuta lo scorso mese di maggio da parte delle Amministrazioni comunali del Trapanese, questo scoglio burocratico sarebbe superato e ci sia, quindi, il via libera ai pagamenti.
Guarda la nostra intervista al presidente di Airgest Salvatore Ombra

A margine del nostro incontro, il presidente Ombra ha reso noto che l’udienza del processo che lo vede accusato di peculato (per la sua precedente gestione) insieme ad altri amministratori di Airgest prevista per oggi al Tribunale di Trapani è stata rinviata a dicembre per difetto di notifica. “Una vicenda, ha detto, che mi auguro di chiarire al più presto”.