I tre Club Rotary di Trapani (RC Trapani, RC Trapani Erice e RC Trapani Birgi Mozia), collaborando insieme ed aderendo al progetto distrettuale “No ictus No infarto”, hanno svolto con grande impegno lo scorso 6 ottobre, nel centro storico di Trapani (di mattina in piazza Vittorio Veneto e di pomeriggio in piazza Saturno), in successione uno screening di prevenzione cardio- e cebro-vascolare, utilizzando il camper Rotary dell’Associazione “Francesca Morvillo”.

Lo screening cardiovascolare prevedeva la compilazione di una scheda personale con la raccolta anamnestica familiare e personale e dei dati dei fattori di rischio (fumo, diabete, dislipidemia, ipertensione), la esecuzione di un elettrocardiogramma a 12 derivazioni ed un esame ecocolordoppler delle carotidi al fine di verificare la presenza di alterazioni di tipo ischemico o di fibrillazione atriale all’ECG e di ispessimento o placche sulle arterie carotidi, predittive per eventi cardio e cerebrovascolari.

I rotariani del club, cardiologi, clinici e specialisti del settore, hanno visitato 65 persone, raccogliendo l’anamnesi, valutando la pressione arteriosa, eseguito un elettrocardiogramma con valutazione cardiologica e l’ecocolordoppler dei vasi epiaortici.

La notevole affluenza della popolazione trapanese allo screening non ci ha permesso di esaudire le richieste di tutti gli intervenuti, per cui si è provveduto a registrare gli esclusi e programmare successivamente ambulatorialmente i controlli.

I dati raccolti saranno inviati a Salvatore Novo, cardiologo e coordinatore del progetto distrettuale che elaborerà i risultati dello screening su tutto il territorio studiato e valuterà lo stato di salute della popolazione a rischio del distretto Sicilia Malta per indirizzare un eventuale intervento di prevenzione.

E’ stata una giornata molto intensa ed in cui i cittadini intervenuti hanno potuto apprezzare favorevolmente l’attività di servizio rotariano.

Successivamente (alle ore 21,00 e fino a mezzanotte) il camper Rotary, con i medici collaboranti, si è spostato nel cuore pulsante della città dove si è accesa la movida giovanile, e con la collaborazione dei giovani interactiani e rotaractani dei tre Club cittadini, si è provveduto a contattare i giovani frequentatori dei locali d’incontro (bar e pub), per attuare una campagna di sensibilizzazione contro l’abuso di alcol finalizzata alla promozione dei valori della guida sicura, in linea con il progetto distrettuale “Un Soffio per la Vita, se bevo non guido”. Una serata per veicolare, in maniera sempre più incisiva e capillare, il messaggio del “bere consapevole e moderato” e sulle conseguenze dell’abuso di alcolici alla guida.

Durante la serata sono stati eseguiti, ai ragazzi nei luoghi della movida, numerosi controlli con l’etilometro, stimolando tutti alla riflessione ed al divertimento consapevole.

Donare alcune ore del proprio tempo è un atto molto nobile e sicuramente caratterizza l’essenza rotariana. È stata una giornata molto intensa dove è stato apprezzato il service, e dove
l’immagine del Rotary si è rafforzata nel territorio.